Adour: il winebar interattivo

New York. Arriva dagli States il primo winebar interattivo. Lusso, design e tecnologia insieme per un progetto interessante e innovativo.
Sebbene questi sistemi interattivi esistano da tempo (StudioAzzurro docet), è piacevole comunque veder realizzato un progetto del genere per un winebar. È l’Adour, un locale particolarmente raffinato ed elegante, all’interno del quale è stata progettata un’area-bar d’eccezione.
Quattro postazioni con menù tutti da toccare ed esplorare, proiettati dall’alto direttamente sulla superficie del bancone, pronti per essere sfogliati e per stupire gli utenti.  Un’interfaccia di design interattivo realizzata in collaborazione con uno studio americano, il Potion (specializzato in progetti interattivi), dove l’utente può navigare all’interno del menù stesso, selezionando vini, scegliendoli in relazione alla regione di provenienza, al colore, al gusto e anche ai cibi. Nel menù sono suggeriti anche i bicchieri più adatti alla degustazione del vino e altre informazioni relative all’annata, alla produzione, etc etc.
All’utente non resta che navigare, scegliere i vini che più lo attirano (semplicemente pigiando sul nome del vino) e, successivamente, degustarli. Una grafica efficace – anche se ricorda vagamente quella della celebre trasmissione Chi Vuol Esser Milionario – che si interfaccia con gli utenti con semplicità ed immediatezza.
Sarebbe carino aggiungere anche un sistema Rfid per un prodotto totale. Beh, non ci resta che provarlo!

Fonte: architetturaedesign, 15 maggio 2008

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts