Web Design: come imparare dal comportamento degli utenti in dieci aree diverse

Un design fruibile ed efficace è una delle componenti fondamentali del successo di un sito. Ecco perché le pagine web costruite in modo chiaro e facili da navigare incontrano l’assenso degli utenti, che non solo rimarranno di più sul vostro sito, ma torneranno anche a visitarlo un’altra volta.

Da un report a cura di Alistair Gray, consulente di usabilità web per Webcredible, abbiamo estrapolato i dieci comportamenti tipici degli utenti online, che possono aiutare a capire come migliorare il design del proprio sito web per mantenere vivo l’interesse dei visitatori.

Prima di iniziare ad illustrare i dieci punti in questione, facciamo una piccola premessa:

1. Le altre persone non guardano il tuo sito Web allo stesso modo in cui lo vedi tu.
2. Potresti pensare che il tuo sito abbia un design estremamente ben fatto, mentre in realtà i tuoi lettori hanno molte difficoltà a trovare le informazioni che cercano.
3. Il nostro comportamento sul Web è esattamente lo stesso dei nostri lettori: navighiamo sul web alla ricerca di un contenuto che ci interessa e vogliamo trovarlo all’istante, senza preoccuparci di leggere articoli ed altri contenuti relazionati.

Comportamenti imprevisti degli utenti da esaminare

1. Gli utenti non guardano i banner

A volte non si accorgono nemmeno della loro esistenza.
Gli studi di eye-tracking hanno scoperto che lo sguardo degli utenti evita di soffermarsi su ogni area che assomigli ad una pubblicità. Questo effetto è chiamato banner blindness (cecità da banner).
Pertanto, le aree di valore del sito che presentano un eccessivo design grafico (e finiscono per assomigliare ad un annuncio pubblicitario), rischiano di essere ignorate dagli utenti esattamente come se si trattasse di pubblicità .
Un buon modo per evitare la cecità da banner è garantire che i banner del tuo sito siano composti per la maggior parte da testo, in modo da sembrare il più possibile simili agli altri contenuti di valore.

2. Gli utenti sviluppano una Visione a tunnel

Grazie ai test di usabilità, è stato osservato che, se il link che gli utenti stanno cercando non è chiamato correttamente oppure non è inserito dove questi si aspettano che sia, si bloccheranno con sorprendente regolarità.
Semplicemente, gli utenti non notano gli elementi su uno schermo a meno che questi non si trovino dove essi si aspettano.
Sfortunatamente non c’è un modo chiaro per evitare questo problema.
Il metodo migliore per essere sicuri di aiutare i visitatori che hanno sviluppato una visione a tunnel è eseguire dei test.

3. Gli utenti oltrepassano la tua homepage

Spesso quando le persone atterrano su un sito ci arrivano con un compito specifico in mente. Questo significa che la loro visione a tunnel è già attiva e non interessa loro guardare tutte le altre cose che il sito ha da offrire. Andranno via dalla homepage in men che non si dica.
Le persone vogliono solo portare a termine un compito e questo è un comportamento perfettamente naturale.
Prendi in considerazione questo comportamento mentre progetti un sito Web e assicurati che la “mission” del sito sia descritta chiaramente in tutte le pagine.

4. Gli utenti hanno bisogno di risposte

Se la risposta non è immediatamente evidente, molte persone rinunceranno oppure andranno altrove.

5. Gli utenti seguono il modello ad ”F”

Le persone guardano dappertutto quando atterrano su una pagina. Dopo uno sguardo iniziale, tuttavia, prestano maggiore attenzione alle aree che ritengono più utili per loro (abitualmente la navigazione inizia dalla parte superiore, per passare poi a quella inferiore ed al lato sinistro, formando un modello ad ”F”).

6. Gli utenti vedono ma non guardano

Solo perché un utente ha guardato qualcosa in una pagina, non significa che ne abbia fatto uso o che abbia capito ciò che ha visto. Spesso gli studi di eye-tracking hanno dimostrato che gli utenti hanno guardato qualcosa, ma non ne hanno fatto alcun uso.

7. Gli utenti odiano scorrere

Ogni volta che viene chiesto loro, gli utenti dicono quanto odino scorrere una pagina web verso il basso.
La chiave di tutto è assicurarsi che le persone siano consapevoli che ci sono altri contenuti al di là della pagina e non pensare che la barra di scorrimento sul lato dello schermo sia per loro un’indicazione sufficiente.
Evita punti nella pagina, dove i contenuti sembrano finire subito e dove la pagina sembra sia stata tagliata.

8. Gli utenti non leggono

Quando sono online, gli utenti leggono molto diversamente da quando stanno leggendo un libro o un giornale.

Su Internet le persone cercano di leggere fino quando non sentono di aver trovato ciò che cercano. Fino a quel momento si guardano in giro cercando solamente le loro parole chiave.
Le persone non leggono testi introduttivi, istruzioni, opzioni di navigazione… praticamente nulla se possono evitarlo. Questo comportamento tipo può essere preso in considerazione durante la fase di progettazione del sito web e durante la creazione dei contenuti.

Ecco alcuni consigli:

  • Ridurre il numero di parole su ogni pagina
  • Ridurre oppure minimizzare le istruzioni
  • Evidenziare le parole chiave
  • Usare elenchi / liste puntate quando è possibile
  • Dividere il testo utilizzando titoli di sezione chiari
  • Cercare di iniziare ogni pagina / paragrafo con la conclusione, in modo che gli utenti possano decidere immediatamente se leggere la pagina oppure il paragrafo
  • Usare immagini al posto delle parole ove possibile.

9. Gli utenti sono pigri

 

Una volta che gli utenti hanno trovato il modo di fare qualcosa, anche se non è il modo migliore, tenderanno a farlo in quel modo più e più volte. Di solito non si preoccupano di pensare se c’è un modo migliore. Questo punto andrebbe ricordato ogni volta che si genera una nuova versione di un sistema già  esistente. In alcuni casi gli utenti cercheranno comunque di imparare lentamente il nuovo metodo, ma con i loro tempi.

10. Gli utenti vogliono indicazioni
Questo punto sfata il mito dell’utente disposto a cliccare solamente fino al terzo livello. La vera regola è che ”gli utenti sono disposti a cliccare molto oltre il terzo livello di un sito Web, a condizione che sentano di compiere dei progressi nel raggiungere il loro obiettivo”.
Progettare un sito web che tenga conto del comportamento degli utenti è difficile.
Tuttavia prendere atto di queste cose e cercare di migliorare il sito nei punti indicati è già un passo significativo perché diventi user friendly.

Informazione da newsletter: MNM IT – Featured Article, 20 Dec 2010

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts