Vacanze motivazionali: ecco la prima mappa dei turisti specializzati!

Oggi l’offerta turistica si sta sempre più specializzando nel soddisfare quelle nicchie di persone con interessi sempre più particolari. Come conseguenza, però, non si ha la frammentazione della domanda turistica, ma bensì il suo allargamento, grazie alla possibilità di intercettare e di sollecitare esigenze e interessi più o meno latenti che stimolano le persone a sperimentare luoghi, attività ed emozioni nuove.
Alla base di questo processo di specializzazione dell’offerta c’è il territorio: si cerca quindi di unire un’idea originale di vacanza che verrà proposta all’ospite al luogo in cui questa esperienza si trova ad essere svolta.
In questo periodo i turisti considerano la vacanza non come un momento di svago e di puro relax, ma come un’opportunità per svolgere esperienze vere attraverso le quali possono affermare la propria identità, ritrovare le proprie passioni, i propri interessi e i proprio hobbies. Identificano quindi in un territorio il luogo più adatto per svolgere le proprie passioni e le proprie vacanze.
Il territorio quindi con la sua identità paesaggistica, culturale, di stile di vita, gastronomica e artigianale partecipa, insieme alla specializzazione dei servizi e degli alberghi, a creare quell’unicità che è l’offerta di nicchia.
In questi anni gli operatori turistici e il loro territorio hanno subito una riorganizzazione per migliorare le proprie potenzialità individuando quelle attività dove apportare maggiori innovazioni per costruire un’offerta eccellente a livello strutturale, organizzativo e nella sua comunicazione.
Si fa strada tra gli albergatori una visione innovativa e sostenibile. Si iniziano ad offrire ai turisti prodotti a km 0 come simbolo del collegamento con il territorio e si creano dei pacchetti vacanza che danno la possibilità ai turisti di conoscere la storia, l’arte, la cultura, le tradizioni culturali ed enogastronomiche del luogo per confrontarsi e arricchire il proprio sapere.
Quindi lo sport, i divertimenti, l’arte, l’enogastronomia e il benessere, possono assumere forme e contorni sempre più importanti nella scelta del luogo di vacanza perché offrono ai turisti diversi tipi di esperienza come la bicicletta, il parapendio, il vino, lo zafferano e la cura di sé. Tutte queste attività e il cambiamento della vision da parte degli operatori svolgono un ruolo davvero importante nell’offerta perché vanno a formare nel tempo quell’immaginario collettivo che, insieme alla notorietà, è alla base delle motivazioni di scelta della destinazione di vacanza.
Quindi i turisti di oggi vanno in vacanza seguendo le loro motivazioni e si legano ai territori che possono offrire e soddisfare al meglio le loro passioni e i loro interessi.
Osservando la situazione in Italia possiamo vedere come alcune province siano eccellenti nel soddisfare alcune nicchie di motivazioni particolarmente significative per il turismo italiano.
In seguito l’elenco delle diverse attività che motivano i turisti ad andare in vacanza con le principali province specializzate nella soddisfazione di queste.


Lo sport
La passione per uno sport rappresenta il motivo principale della vacanza per una parte consistente della domanda turistica che sceglie Modena per il suo circuito automobilistico, Savona per le attività nautiche e le montagne della Valle d’Aosta, di Bolzano, di Cuneo e di Belluno, di Trento, Sondrio e Brescia, ma anche di Campobasso e Isernia.

Gli eventi culturali
Il turismo legato alla presenza di particolari eventi culturali, come le mostre, i concerti o gli spettacoli coinvolge a livello nazionale poco più del 6% della domanda turistica. Le destinazioni che i turisti scelgono principalmente per questi eventi sono le città d’arte come Roma, e quelle conosciute grazie ai grandi eventi che hanno dato visibilità a un’offerta di qualità, come Torino, Bologna, Ferrara, Genova, Bari o Ravenna.

Il turismo del gusto
Quello enogastronomico è un vero e proprio patrimonio che permea tutta l’Italia. Il turismo del gusto si orienta verso quei luoghi che sono nell’immaginario collettivo, come Asti, Cuneo e Siena, che hanno valorizzato attraverso la forte specializzazione un’identità che è prima di tutto produttiva. Accanto a questi “luoghi simbolo” della gastronomia italiana, i turisti ne scelgono altri come Avellino, Isernia, Nuoro, Viterbo che beneficiano in parte anche della diffusa percezione della gastronomia italiana come valore aggiunto dell’identità dei territori e della loro offerta turistica.

Le terme e il benessere
Ad oggi, la ricerca di una vacanza legata al benessere coinvolge meno del 5% della domanda turistica che viaggia in Italia. In questo caso, il fattore determinante nella scelta è la notorietà  delle destinazioni che hanno una lunga e consolidata tradizione termale come Abano e Montegrotto (Padova), Salsomaggiore (Parma), Chianciano, Montepulciano (Siena) e Fiuggi (Frosinone).

Lo shopping
Il turismo dello shopping assume in Italia due connotazioni distinte. Nella maggior parte dei casi è legato alla presenza degli outlet come è il caso di Rovigo, Avellino, Teramo o Caserta, nelle quali lo shopping si inserisce in un complesso di motivazioni legate alla storia e alle tradizioni culturali e popolari dei luoghi. Nella sua altra accezione, il turismo dello shopping è combinato all’alta moda e si concentra nelle città considerate icone del made in Italy come Roma, Firenze e Milano.

Il turismo di scoperta
Un’altra nicchia che sta assumendo connotati sempre più definiti è quella del turismo di scoperta. Questa particolare aspirazione di un certo target di turisti, che sceglie di andare in vacanza mosso dal desiderio di visitare posti nuovi, per scoprire il territorio e le sue valenze culturali e ambientali, porta alla luce i piccoli gioielli dell’Italia, Ravenna, Asti, Ferrara, Trieste, ma anche Lucca, Fermo, Trento, Lecce, Ancona, Pescara, Macerata, Perugia o Siena. Centri urbani a misura d’uomo, che regalano all’ospite la possibilità  di un’esperienza dove la qualità della vita fa parte integrante del pregio e della varietà dell’offerta più propriamente turistica. Uniche tra le grandi mete che ancora conservano il fascino della scoperta come le capitali dell’arte Roma, Venezia e Firenze.

Anche IdeaTurismo, società  di marketing e consulenza, mette a disposizione le proprie conoscenze e competenze nel proporre ai propri clienti soluzioni uniche e differenziate per migliorare l’offerta dei loro servizi in relazione alle attività e al territorio in cui si trovano. Cerca di aiutare gli operatori turistici a creare delle vacanze attrattive e cariche di motivazione nelle quali i turisti possano identificare e soddisfare le loro passioni come può essere la vacanze attiva, la vacanza per la famiglia, la vacanza benessere, la vacanza nella natura e la vacanza alla scoperta del gusto.
Fonte: impresaturismo.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts