Vacanze ‘all’ingrasso’ per 7 italiani su 10.

Per ben 7 italiani su 10 quelle che stanno per iniziare saranno delle vacanze ‘all’ingrasso’: tra cene con parenti, spuntini di mezzanotte e gelati ad ogni ora, gli italiani si ritroveranno a settembre con una media di tre chili in più a testa. Parenti lontani, villaggi all-inclusive e agriturismo rappresentano i maggiori ‘pericoli’. E’ quanto emerge da un’indagine della rivista Dimagrire (Edizioni Riza), condotta su oltre 1.000 soggetti tra i 25 e i 55 anni e relativa alle cattive abitudini alimentari in vacanza.“Purtroppo una buona parte degli italiani afferma Michele Carrubba, presidente della Società  Italiana sull’Obesità  parte già  con l’idea di mangiare parecchio e di sperimentare tutte le prelibatezze che la buona tavola offre durante la stagione estiva. Ma se non esiste alcuna controindicazione nell’assaggiare i prodotti locali dei paesi in cui si soggiorna – afferma l’esperto – è altamente sconsigliato programmare una vacanza orientata esclusivamente verso la buona tavola”.
 
Ma quali sono le occasioni di vacanza più ‘dannose’ per la linea? Per quasi un italiano su tre (27%) il ritorno annuale dai parenti lontani. Seguono i villaggi vacanze all-inclusive, dove un intervistato su quattro (24%) troverà  pane per i suoi denti 24 ore su 24, e soggiorni in agriturismo per uno su cinque (19%). Insomma, resistere alle tentazioni gastronomiche diventa un’impresa quasi impossibile. Il risultato? Una media di due-tre chili in più a testa da smaltire (58%). Un italiano su cinque (22%), secondo l’indagine, accumulerà  più di tre chili, con punte che supereranno anche i quattro (12%) o i cinque chili (4%). La colpa è delle abitudini alimentari, che in questo periodo cambiano radicalmente. Le più errate? Mangiare in modo sregolato (64%), passare troppo tempo a tavola (58%) e consumare gelati e dolci ad ogni ora della giornata (52%). Non è tutto: colazioni esagerate (46%), porzioni troppo abbondanti (36%) e uso indiscriminato di alcolici (36%) rischiano di diventare all’ordine del giorno durante l’estate.
 
Dopo aver seguito magari diete eccessivamente rigide (32%) per affrontare la prova costume, l’estate diventa quindi per molti l’occasione per ‘sfogarsi’, rimandando a settembre qualsiasi preoccupazione per la linea (23%). Solo un intervistato su cinque (19%) cerca di smaltire le grandi mangiate con un po’ di sport, mentre il 15% al massimo si cimenta in una tranquilla passeggiata. Tanto che gli esperti stimano che per tornare in forma bisognerà  sudare: per il 32% degli italiani occorrerà  minimo un mese, per uno su quattro (23%) almeno 2 mesi e per il 12% anche di più. Si salveranno gli amanti del campeggio (solo 1 su dieci a rischio) e chi sceglierà  di andare all’estero (a rischio ingrasso il 14%), soprattutto se il viaggio viene affrontato da soli (il 25% non ingrassa).Per non correre il rischio di ingrassare durante le vacanze occorre preferire alimenti che, senza apportare un eccesso di calorie, sono in grado di assicurare senso di sazietà  e garantire un adeguato apporto idrico per affrontare il caldo, come la frutta e la verdura. E quanto afferma la Coldiretti commentando l’indagine della rivista Dimagrire, secondo la quale per ben 7 italiani su 10 quelle che stanno per iniziare saranno delle vacanze ‘all’ingrasso’.
 
“Se la sedentarietà  e i lunghi tempi trascorsi a tavola mettono a rischio la dieta, occorre – suggerisce la Coldiretti – cercare di evitare cibi eccessivamente calorici e approfittare invece della frutta e verdura di stagione che sono dei veri e propri dimagranti naturali”. Ecco, allora, il vademecum della Coldiretti che illustra le principali proprietà  delle varietà  di frutta e verdura presenti sui banchi del mercato in questo periodo: Se il cocomero è il frutto più dissetante con il 95 per cento di acqua che svolge una buona azione diuretica, il melone è ricco di vitamine (A e C) e sali minerali (potassio, sodio, calcio e fosforo) e ha la proprietà  di coadiuvare i processi digestivi e un aroma che sembra avere effetti positivi sul sistema nervoso.
 
Le pesche svolgono invece una funzione dissetante e non affaticano stomaco e fegato, mentre le albicocche e le carote sono ricche di vitamina A, indispensabile per la salute degli occhi. Le fragole, poi, oltre a essere note per le proprietà  antiossidanti, sono ricche di vitamina C che aumenta le difese naturali dell’organismo contro le allergie, e recenti studi attribuiscono ad esse anche un potere anticolesterolo.L’insalata, continua la Coldiretti, conferisce volume e potere saziante con un apporto calorico estremamente limitato e assicura anche un certo contributo di vitamine, calcio, fosforo e potassio. Inoltre, è ricca di vitamina E, che protegge il sangue e le altre sostanze del corpo dalle intossicazioni da smog ed è molto valida per i disturbi di cuore e della circolazione.
 
Sulla tavola anche i pomodori che, oltre ad essere gli ortaggi dietetici per eccellenza perchè hanno solo 17 calorie per 100 grammi, regalano all’organismo un buon apporto di fibre, vitamine e sali minerali in particolare fosforo, calcio e magnesio. Infine, le ciliegie: nutrono in modo ottimale durante l’estate perchè contengono molti sali minerali, come potassio, calcio e ferro, e sono anche dietetiche avendo solo 38 calorie per ogni 100 grammi di prodotto.
 
FONTE: ANSA, 19 Giugno 2006

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts