Come ci vedono i turisti stranieri

I social non sono solo un mezzo di comunicazione del singolo verso la moltitudine. Possono essere un vero e proprio specchio sociale. Tramite analisi mirate si possono scoprire molti aspetti della società  riguardo le più svariate tematiche, il tutto grazie alla tecnologia semantica. Questa si nutre di commenti dei principali social network e riflette appunto se un prodotto è benvoluto o meno. È molto importante analizzare le reazioni sui social, danno dei risultati molto simili a quelli che darebbe un’intervista a miliardi di persone (benché i social rappresentino una realtà abbastanza distorta).

Socio-metrica, società operante nell’ambito di ricerche socio-economiche, ha preso in considerazione questi dati, analizzando una quantità molto alta di post in inglese di turisti che hanno visitato l’Italia nell’ultimo anno.
Grazie all’analisi semantica, ogni post viene analizzato al fine di ricavarne il concetto chiave, dopodiché tutti i concetti chiave verranno messi assieme per generare un “sentiment”.

RISULTATI

Il quadro del nostro Paese vede in primo piano ristoranti, pasticcerie e piazze (ma va?!) e sullo sfondo, molto sfuocate e con un alone di terrore le infrastrutture, i trasporti e i musei.

QUEL CHE C’È DI BUONO

Se l’indicatore di sentiment copre un range da 0 a 100, l’Italia come meta turistica arriva al 78. Le cose più apprezzate del nostro Bel Paese sono: ristoranti, pasticcerie e piazze. La piazza che si è guadagnata più punti è stata Piazza Erbe a Verona, seguita da Piazza del Duomo a Parma e Piazza Castello a Torino.
Le città che più hanno colpito i turisti, invece, sono state Taormina e Lucca pari merito in prima posizione, seguite da Siena e Assisi. Il loro punteggio sembra essere dato dal grande valore artistico, dal centro storico a traffico limitato e dalla presenza di alberghi di pregio e qualità .

QUEL CHE NON PIACE

I commenti denotano esperienze disastrose nei musei, che sono dovute a code eterne, tempi d’attesa prolungati e difficoltà  di reperimento biglietti. Nessuno parla dello stato di alcuni siti archeologici o storici, ma anche quello di certo non ha aiutato molto. Un altro aspetto disastroso vede le infrastrutture del nostro Paese, che sono giudicate spesso disorganizzate e obsolete.  I trasporti sono un altro punto negativo della ricerca, viste le varie esperienze negative principalmente per il servizio taxi e il trasporto urbano.


DI COSA SI PARLA

L’argomento principale dei post sono i trasporti: come muoversi in una determinata città o come raggiungere un determinato luogo. Al secondo posto degli argomenti più toccati dalle analisi c’è la cultura e al terzo ciò che riguarda le tecnologie di comunicazione digitali. Il Wi-Fi è una grande fetta di discussione assieme alla possibilità  di prenotare visite ai musei online.
Altro elemento che i risultati evidenziano è il potere di influenza tra turisti tramite commenti. I commenti funzionano quindi con l’effetto domino. Più commenti positivi ci sono, più ne genereranno, e la stessa cosa per i commenti negativi.

Ideaturismo, società di consulenza e marketing per il turismo, si occupa anche di social e di comunicazione web e ti aiuterà ad avere commenti positivi!

Fonte: mondointasca.org

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts