Trivago Hotelier: un nuovo modo per monitorare la performance del proprio hotel

La rete offre oramai un gran numero di possibilità per organizzare la propria vacanza, cercando di risparmiare il più possibile. Di conseguenza è aumentato il numero di persone che preferisce cercare on line i voli o le strutture ricettive in grado di soddisfare le proprie esigenze di budget e destinazioni. A questo proposito, negli ultimi anni, un sito è emerso in modo particolare: si tratta di Trivago.

Trivago è un portale europeo di ricerca e confronto prezzi di hotel gratuito, l’ideale per chi è alla ricerca dell’occasione giusta o del last-minute inaspettato. E’ quindi sempre più importante per gli albergatori essere presenti su questa piattaforma.
Ma in che modo? Non basta solo esserci, ma indispensabile è essere propositivi e soprattutto partecipare attivamente alla creazione di un profilo completo che sappia attirare l’attenzione degli utenti. Va data quindi particolare attenzione nel migliorare la scheda descrittiva della propria struttura: non limitiamoci al minimo indispensabile, ma arricchiamola con descrizioni aggiornate, fotografie, selezioniamo inoltre in modo completo i servizi del nostro hotel, così da comparire più facilmente per una questione di filtri.

Per monitorare le performance dell’hotel, Trivago ha da poco lanciato una nuova funzione disponibile nel gestionale albergatori dove è possibile controllare l’indice di visibilità, la quota di mercato e il numero di prenotazioni generate tramite Trivago.

Ma come funzionano questi utili strumenti di controllo:

1. L’indice di visibilità

Ci mostra quanto spesso un hotel è stato visto in relazione ai principali competitor della città o regione in cui si trova. Questo valore può andare da un minimo di 0 (che significa nessuna visita) a 100 (che significa che ha il massimo di visibilità possibile). Se l’indice di visibilità è, ad esempio, 25 significa che quell’hotel riceve il 25% delle visite rispetto ai miglior hotel in quella città o regione. È possibile inoltre verificare l’andamento dell’indice di visibilità dal mese di luglio 2013 in poi.

Rendendoci effettivamente conto di quanta visibilità abbiamo, come possiamo migliorarla? Ricordatevi innanzitutto di aggiornare le informazioni dell’hotel, lavorare come detto prima sul contenuto della scheda, caricando immagini professionali e di qualità, inserire descrizioni uniche in 24 lingue diverse e incentivare sempre i clienti soddisfatti a recensire per migliorare la propria reputazione online, ad esempio utilizzando widget gratuiti di Trivago.

2. La quota di mercato

La quota di mercato è un numero che va da 0 a 100 e che mostra l’andamento di prenotazioni generate dall’hotel in relazione ai principali competitor della città o regione in cui si trova.

Esempio: in questo caso l’hotel ha ricevuto il 12% delle prenotazioni rispetto ai migliori hotel della città  di riferimento negli ultimi 30 giorni. L’andamento di questo valore è disponibile dal mese di gennaio 2012 in poi.

3. Il numero di prenotazioni

Infine da adesso in poi è possibile anche vedere il numero di prenotazioni generate tramite Trivago.

Esempio: in questo caso l’hotel ha ricevuto 22 prenotazioni tramite Trivago negli ultimi 30 giorni. È inoltre possibile vedere il numero di prenotazioni ricevute ogni mese da gennaio 2012 in poi.

Grazie a questi nuovi strumenti e informazioni, sarà quindi possibile verificare se i cambiamenti effettuati sulla propria scheda hanno fatto aumentare la visibilità e le prenotazioni dell’hotel, in modo semplice ed efficiente.

Ideaturismo, società  di marketing e consulenza, crede profondamente che un aggiornamento costante della propria comunicazione sia indispensabile per farsi conoscere nel modo migliore, dando così ai futuri clienti una visione globale e più veritiera possibile della propria struttura.

Fonte: blog.trivago.it;

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts