Lo Sport Hotel riparte dal wellness

È uno degli alberghi storici simbolo del Monte Bondone, dei tempi d’oro e poi della crisi nera. Un albergo fantasma, alle porte di Vason, chiuso da oltre dieci anni. Ora lo Sport Hotel è pronto a rinascere, con un progetto da 8 milioni e mezzo di euro: diventerà un villaggio alberghiero a 4 stelle, tutto in legno e pietra, 88 posti letto. Con una novità assoluta: la zona wellness, sauna, idromassaggio, cabina massaggi, direttamente in ogni stanza.

Uno spazio benessere nell’intimità e nella privacy della propria camera: è il nuovo lusso, quello che i clienti oggi chiedono agli alberghi di nuova generazione, non più solo zona relax e wellness, ma tutto questo senza doversi spostare dalla propria stanza e senza doverlo condividere con gli altri clienti.

Il progetto è firmato dall’architetto di Bressanone Hugo Demetz, esperto di progetti alberghieri, in collaborazione con lo studio Tamanini di Mattarello e la consulenza strategica di Ideaturismo di Trento, società marketing esperta in consulenza concept, wellness e fattibilità di strutture ricettivo alberghiere in Italia.

La scorsa settimana la proprietà ha incassato dal comune la concessione edilizia, appena in tempo per il contributo del patto territoriale, che si aggirerà attorno ai 5 milioni di euro.

Se aveva ragione il presidente degli albergatori, Natale Rigotti, che, qualche mese fa, prospettava la rinascita del Bondone come “parco a 4 stelle”, sicuramente il nuovo Sport Hotel ne sarà un tassello importante.

“È un albergo pensato anche per chi non scia – spiega l’ingegner Aldo Tamanini – un ambiente famigliare ma ricercato, una struttura attrattiva in sé pensata per funzionare 10 mesi all’anno“. Una scommessa, anche per i costi, visto il difficile rilancio del Bondone.

L’attuale edificio sarà demolito: al suo posto una struttura completamente diversa, sei edifici a quattro piani, disposti a corona attorno alla struttura centrale, con ampie vetrate, che ospiterà la reception, il bar, due zone soggiorno per gli ospiti, uno spazio giochi per i bambini e un internet point.

Il nuovo villaggio-hotel avrà 88 posti letto, tutti in stanze doppie, il 30% in appartamenti dotati di angolo cottura. Una parte delle unità abitative si sviluppa su due piani, 75 metri quadrati, al piano terra la zona giorno, con caminetto e cabina per i massaggi, nel seminterrato la zona notte, con sauna, doccia e idromassaggio; altre stanze sono più piccole, su un unico piano.

Particolare attenzione è stata dedicata alla scelta dei materiali ecocompatibili: basamenti in pietra, struttura in legno, ampio uso del vetro. Gli edifici saranno di 4 piani, un seminterrato e tre fuori terra, di cui l’ultimo a mansarda.

In tutto i metri cubi saranno 14 mila.

Per andare da un blocco all’altro o per raggiungere il blocco centrale, tutti i percorsi – altra particolarità  del progetto – saranno realizzati all’esterno, con ballatoi ai piani superiori. Sotto terra il garage dell’albergo, in superficie ampi spazi verdi.

Per i lavori servirà almeno un anno e mezzo di tempo, il cantiere partirà probabilmente la prossima primavera.

Fonte: il Trentino, 29 maggio 2008

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts