Siti più visitati al mondo: Google primo

Nielsen, leader mondiale nelle ricerche, informazioni e analisi di mercato, dava Google come il sito più visitato della rete già da qualche mese. Di questi giorni il conteggio eseguito da ComScore, servizio di rating delle risorse in Internet, che assegna anch’esso il primato a Big G.
Insomma, oltre a perdere come search, Yahoo! scende dal gradino più alto del podio anche in termini di visite complessive.
I dati parlano di 141,1 milioni di visitatori totalizzati da Google in aprile, contro i 140,6 milioni di Yahoo!. Al terzo posto rimane Microsoft, con 121 milioni di utenti.
E secondo gli analisti si tratta del primo passo verso un progressivo allungo.
Evidentemente non bastano più tutti i servizi offerti dal portale di Sunnyvale: ora anche Google, pur mantenendo la possibilità di scegliere la scarna home page iniziale, ha arricchito la propria pagina web.
Prima con servizi come Picasa e Gmail, poi con iGoogle, che consente di personalizzare l’home page di Google a proprio piacimento, introducendo finestre di news, oroscopo, meteo e tanti altri gadget.
Non dimentichiamo poi l’acquisizione di YouTube da parte di Big G.
A Yahoo! rimane la leadership nel numero pagine generate: a Google, infatti, sono giunte circa 28,7 miliardi di richieste di pagine, a Yahoo! 33,6 miliardi. Ciò significa che l’utente si ferma su Yahoo! per leggere più materiale.
Ora vedremo se con tempo Google scavalcherà il rivale anche in questo.

Uno studio condotto per conto della OPA, la Online Publishers Association Europe, ha messo a confronto abitudini e preferenze degli utenti del web europei che navigano dal luogo di lavoro, in sei paesi specifici: Italia, Gran Bretagna, Francia, Germania, Spagna e Svizzera.
“La ricerca conferma che la gente passa sempre più tempo online durante la giornata lavorativa e meno tempo con i media tradizionali, in particolare per ottenere notizie ed informazioni” spiega Koro Castellano, presidente della Opa Europe e direttore esecutivo di elmundo.es.
“Quello che ci ha sorpreso, invece, è la preminenza del mezzo anche in orario serale, finora dominato tradizionalmente dalla televisione“.
I dati raccolti rivelano che il 73 per cento degli utenti va online tutti i giorni. E le visite durante il primetime serale sono molto cresciute negli ultimi anni, arrivando oggi al 67 per cento.
Se nel 2004, il 48 per cento andava su internet per trovare informazioni su nuovi prodotti; la percentuale oggi è salita al 67 per cento.

Fonte: webmasterpoint, 22 Maggio 2008, autore: Pierluigi Emmulo

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts