Voglia di condividere? Con Posterous il blog è alla portata di tutti!

Quando si parla di internet e di nuove applicazioni, la dimensione social è ormai diventata un must. Con l’avvento del web 2.0 è cambiato il concetto stesso di internet, che non si limita più ad essere una fonte di informazioni, ma rappresenta una vera e propria finestra di interazione col mondo. Ed è proprio nel labirinto delle applicazioni social che troviamo Posterous, il portale di condivisione che vi illustreremo in questo articolo.

Posterous può essere definito un curioso mix tra blog, social bookmarking e social network. Si tratta di un servizio che permette di condividere molto facilmente post su Internet attraverso PC, dispositivi mobili e posta elettronica; qualcosa di simile a Tumblr, per capirci.

Posterous offre un servizio di condivisione che va al di là della classica piattaforma di blogging o microblogging, è un’applicazione social, ma al tempo stesso intima, basata su un livello di condivisione privato. Qui ogni utente ha la possibilità di creare e di gestire i cosiddetti “spaces”, spazi web nei quali si possono condividere contenuti di ogni genere e controllare con chi questi vengono condivisi.

Le principali potenzialità offerte da Posterous e le caratteristiche che lo differenziano dai suoi concorrenti virtuali sono le seguenti:

  • è una piattaforma blogging con caratteristiche social, che permette di pubblicare post, foto e video;
  • garantisce un’elevata tutela della privacy, che permette di controllare ciò che si condivide e con chi lo si condivide;
  • per chi ha difficoltà a destreggiarsi tra gli strumenti del web, offre la possibilità di creare ed aggiornare il blog, semplicemente mandando un’e-mail all’indirizzo post@posterous.com;
  • si può creare un blog ed inserire dei contenuti, direttamente dal telefonino, inviando un’e-mail (vedi sopra), oppure utilizzando PicPosterous, la pratica applicazione per i-Phone;
  • permette di pubblicare tutto o quasi: fotografie, citazioni, link, audio, video, testi, supportando ogni genere di formato (doc, ppt, pdf, jpg, gif, png, mp3…). È inoltre possibile pubblicare post e foto anche dalla bacheca web;
  • è possibile commentare e ricevere le notifiche dei commenti anche via mail (in modo tale da non perdere nulla) e si possono sottoscrivere il feed RSS e altri Posterous di amici da seguire;
  • la caratteristica più interessante di Posterous sono gli Autopost, che permettono di postare tutto quello che blogghiamo su altre piattaforme social, come Facebook, Twitter, YouTube, Flickr, Blogger/Blogspot, WordPress e tante altre, ridimensionando le foto e adattando i contenuti al template delle altre piattaforme.


Se dobbiamo paragonare Posterous a un programma già  esistente, sicuramente il primo che ci viene in mente è proprio Tumblr, il suo competitor per eccellenza, anch’esso un’applicazione di condivisione sul web, con caratteristiche social. Tumblr è sicuramente più completo riguardo a funzionalità di microblogging e personalizzazione, ma Posterous gode di due caratteristiche importantissime: “Less is more” e “Keep it simple”. In altre parole l’applicazione è molto intuitiva e facilissima da usare grazie ad una grafica molto semplice e al suo sistema di “post by e-mail”, che permette di inserire i contenuti tramite posta elettronica.

E la fregatura dove sta? Come ogni cosa anche Posterous ha i suoi lati negativi:

  • dispone di pochi templates e ne ha solo uno per i portfolio;
  • la sua grafica, sicuramente semplice e chiara, è quasi troppo scarna e minimalista, con un layout poco personalizzabile;
  • e la sua pecca più grande è quella di non avere una community molto attiva e numerosa, soprattutto in Italia, dove resta uno strumento di nicchia e poco conosciuto.

Posterous è piuttosto utilizzato in America, ma fa fatica a diffondersi a livello globale: le sue applicazioni sono ben strutturate e promettenti, ma il suo problema principale sono i numeri, finora vanta 15 milioni di utenti (contro i 33 milioni di Tumblr). A questo pro è stata recentemente ufficializzata l’interessante notizia dell’acquisizione di Posterous da parte di uno dei colossi del mondo social: il canarino blu Twitter.


Twitter, con il suo mezzo miliardo di utenti, potrebbe rappresentare una vera e propria rampa di lancio per Posterous e la sua diffusione a livello capillare, anche se molti utenti temono un cambiamento eccessivo che andrà a snaturare l’applicazione.

Quello che è certo è che, con l’unione delle tecnologie e dei loro team di esperti, le due realtà hanno stuzzicato l’interesse generale, ed è probabile che in futuro gli utenti di Twitter potranno disporre di uno spazio personale e meno volatile, per archiviare le proprie notizie e i propri contenuti… direttamente offerto da Posterous.

Con i suoi servizi e la sua semplicità, Posterous continua ad essere un’ottima piattaforma di condivisione di contenuti sul web.

Se anche voi sentite il bisogno di uno spazio tutto vostro nell’universo del web, dove postare ogni tipo di contenuto e condividere sui social, Posterous è il blog che fa per voi, semplice e ricco di potenzialità per darvi una mano e farvi divertire!

Fonti:
iochatto.com – “Meglio Tumblr o Posterous? Scegli il miniblog che fa per te”
panorama.it – “Ecco perchè Twitter si compra Posterous, il rivale di Tumblr”
catepol.net – “Posterous: blog ancora più semplice e immediato di Tumblr”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts