Online Markets insight & outlook

La Dottoressa Claudia Brözel ha tenuto, presso la sede di Trentino Marketing, la conferenza sull’importanza dei social media nel settore del turismo.

Particolare attenzione è stata data al social network più conosciuto, vale a dire Facebook.

A differenza dell’idea comune che circola, ovvero che questo sia uno strumento utilizzato per lo più da teenagers, è emerso come questo possa diventare un’importante, per non dire fondamentale, strumento di reclutamento sia dei potenziali che anche ignari clienti. Facebook è molto più di un diario, è una piattaforma utilizzata per raccontare, interagire, conoscere e molto altro ancora. Per gli operatori turistici, rappresenta un buon potenziale di possibilità per aumentare il proprio portfolio clienti. Tutti gli users possono infatti diventare clienti/ospiti.

“Conversation is king and the content is just something to talk about”: quest’espressione rende l’idea dell’evoluzione avvenuta negli ultimi anni, grazie all’introduzione di internet, e, più nello specifico, dei social network. La cosa fondamentale prima di operare nel mercato virtuale è quella di essere autentici: Facebook è come uno specchio, riflette quello che effettivamente si è, e soprattutto non ci sono intermediari, lo user vede direttamente ed istantaneamente ciò che l’altro user comunica.

Proprio per la centrale importanza che la conversazione assume, internet si è dimostrato il mercato più florido e con maggiore possibilità di successo presente oggi. Per meglio capire tale potenzialità, basta riflettere sul dato di crescita delle persone che usano internet: dal 2000 al 2010 notiamo un aumento di ben il 444,8%. Il tasso di penetrazione è quindi importante da analizzare, soprattutto per il mercato turistico; il continente con maggior numero di accessi alla rete è l’Asia, seguita dall’Europa. Un’altro aspetto importante, che gli esperti di turismo devono considerare, è la lingua. Dopo un’attento focus sul target group, se straniero, si deve inserire l’opzione di cambio lingua sul proprio sito. Le statistiche evidenziano l’inglese come lingua più utilizzata in internet, seguita da cinese e spagnolo.

Il convegno si è incentrato sul mercato tedesco, in quanto di rilevante importanza per il turismo trentino. La Germania è un paese altamente “tecnologico”: si pensi che si trova al primo posto della classifica sui paesi maggiormente raggiungibili attraverso internet. Ben il 51% dei tedeschi navigano in rete per raccogliere informazioni, aspetto davvero significativo, in quanto evidenza come metà della popolazione sia raggiungibile attraverso questo canale. Dato ancora più importante è rappresentato dal 36% di popolazione tedesca che nei prossimi 3 anni viaggerà in Italia, ma soprattutto il 10% di questi potenziali clienti probabilmente sceglieranno il Trentino come meta della loro vacanza. Percentuale davvero consistente e da considerare con attenzione.

Claudia Brözel ha posto particolare attenzione al fatto che se internet rappresenta un mercato molto “popolato”, al contempo complica la facilità di essere trovati, di emergere e di essere ascoltati. Una buona possibilità al riguardo sta nel cercare di essere divertenti: l’intrattenimento è un buon metodo per essere maggiormente accattivanti e risultare così speciali.

I social network, come Facebook, Twitter (in misura minore), My space a altri, assumono un ruolo notevole nel mondo dei viaggi e del turismo in genere. Diversi studi hanno sottolineato come i commenti, le foto, i post inseriti in questi siti influenzino fortemente le nostre decisioni, soprattutto per quanto riguarda la scelta della destinazione turistica. Nuovi canali di comunicazione sono proprio i blogs, le offerte video, l’istant messenger e messenger boards. Oltre ad utilizzare i nuovi canali è importante anche creare le giuste piattaforme, ovvero spazi specifici dedicati ai clienti; bisogna capire quindi cosa vogliono, le loro esigenze, desideri ecc.

Altro aspetto fondamentale è quello del network: la frammentazione e la piattezza delle informazioni sono da evitare. Questo proprio perché se al primo posto, per consuetudine, gli users si connettono alla rete per cercare informazioni, al secondo posto troviamo le raccomandazioni, ovvero quello che gli users ritengono importante e da condividere.

I commenti e giudizi, che gli utenti inseriscono in rete in riferimento a un viaggio, ad un hotel o servizio, sono fondamentali, perché vanno ad influenzare l’azione finale, ovvero la scelta del potenziale cliente. In America è stato rilevato che, tra i turisti che partecipano ai social network, ben il 50% inserisce un commento riguardante la propria vacanza. Questo significa che, nella strategia di comunicazione, gli operatori turistici devono invogliare il turista ad essere attivo in tal senso, scrivendo impressioni e commenti non solo al termine della vacanza, ma anche prima e durante. In questo modo si rende dinamica la piattaforma, suscitando sempre interesse ed aumentando così l’appetibilità della destinazione, dell’hotel ecc… .

Al termine della conferenza è stato fatto un focus sulla piattaforma visittrentino.it, nel quale è emerso come una collaborazione tra operatori e esperti del settore sia fondamentale per essere più forti nel sempre più difficile mercato virtuale. Questa community rappresenta una forte attrazione per i turisti, che vengono costantemente invogliati attraverso post, foto e video del territorio.

Gran parte delle decisioni finali riguardanti la scelta della meta turistica sono confermate per via della presenza delle communities stesse. Ma l’aspetto che più richiede attenzione è rappresentato dal cambiamento di decisione che viene fatto da parte dei turisti, dopo aver confrontato le varie opinioni all’interno della community.

Questo sottolinea l’imponente influenza che le communities hanno sui turisti. Gli users danno grande rilevanza ai social network, perché rappresentativi di quello che effettivamente i servizi e la destinazione turistica sono. Le testimonianze sono autentiche e spontanee; bisogna quindi considerare che anche la presenza di commenti negativi è favorevole, in quanto traspare autenticità. Ecco perché risulta anche fondamentale monitorare costantemente le attività all’interno dei social network, che vengono utilizzati molto dai turisti e per svariati motivi. Le ultime tendenze sono quelle di navigare nella destinazione (GPS) e fare così tour virtuali per rendersi meglio conto della meta prescelta.

In conclusione va sottolineata la crescente importanza dei social network nella promozione turistica e nella raggiungibilità di potenziali clienti. L’interattività con loro è la giusta chiave di successo ed il coinvolgimento sempre attivo e stimolante assicura una maggiore visibilità e conoscenza nel mercato.

I metodi da utilizzare per raggiungere un veloce successo con i social media sono riassumibili in: facilizzare l’accesso al portale e renderlo sicuro, scrivere in maniera chiara e veritiera, identificare e riconoscere il proprio target, integrare gli sforzi di marketing creando solide collaborazioni, compiere azioni online che siano necessarie, non seguendo alla cieca quello che fanno i concorrenti, per paura di restare indietro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts