Anche i loghi più famosi nascono, cambiano e invecchiano!

Il logo è uno strumento di comunicazione fondamentale ed è espressione di un progetto più grande che si chiama Branding. Attraverso il branding un’azienda differenzia il proprio prodotto fra altri simili, grazie all’utilizzo di nomi e simboli che dovranno trasferire i valori tangibili e quelli intangibili del prodotto stesso.

Le multinazionali e le aziende più famose al mondo investono grosse somme di denaro nell’identità del loro brand (si parla di milioni di dollari). D’altra parte il mondo è coinvolto da un business aziendale inondato di marchi e loghi di ogni tipo! Per questo motivo vengono dedicati tempo e risorse e al processo di costruzione di un brand, del logo e del processo di “naming”.

Il naming è la branca del marketing che studia la scelta dei nomi per prodotti, servizi e aziende. Il successo di un business passa anche attraverso l’individuazione di un nome vincente: il nome costituisce la memoria stessa di un prodotto e di un’azienda e ne definisce il posizionamento. Come sono nati i nomi dei brand più popolari al mondo?

Alcuni brand famosi hanno utilizzato nomi veri e reali, ripresi dal fondatore o dal proprietario, dal nome di qualche famigliare o luogo ideale (è il caso della Ford dal proprietario Henry Ford, o Mercedes, nomignolo della figlia dell’ingegnere che progettò la prima macchina). Altre aziende hanno fondato il loro logo e brand utilizzando nomi inventati che risultino piacevoli, accattivanti sia esteticamente che foneticamente e soprattutto facilmente memorizzabili, è il caso di Yahoo e Cisco.

Sono inoltre molto utilizzate analogie e metafore (Adobe dal fiume che scorreva dietro casa del co-fondatore del programma), acronimi e abbreviazioni (BMW Bayerische Motoren Werke), congiunzioni (la più famosa è certamente Microsoft, Microcomputer + Software), derivati (Nike dalla dea greca, Coca Cola dalle foglie di coca e dalle noci di Kola), combinazioni fra nomi e numeri (3COM), giochi di parole (Adidas o Reebok) e non manca neppure il nome frutto del caso nato per esempio da errori di battitura (come Google che originariamente era Googol).

Ma nel tempo i loghi non son rimasti sempre uguali, hanno subito variazioni e cambiamenti notevoli… divertiamoci un po’ a spulciare fra i loghi dei brand più popolari e seguire l’evoluzione storica dalle loro origini ad oggi! Ebbene, è come guardare una vecchia foto: abbigliamento, sfondo o altro ci appaiono vecchi e fuori moda!

Dalle immagini è intuitivo capire come sia fondamentale l’importanza di un brand, che deve essere studiato e premeditato nei minimi dettagli dal punto di vista comunicativo e grafico. Compiere una scelta errata o superficiale, infatti, può ricadere negativamente sulle vendite del prodotto e sull’immagine di un’azienda. Accanto alle grandi aziende, che per prime hanno percepito il valore delle consulenze di naming, oggi anche piccole e medie imprese, studi professionali ed esercizi commerciali avvertono la necessità di rivolgersi a professionisti qualificati.



Anche Ideaturismo, società di consulenza e marketing, offre proposte e suggerimenti in tale ambito, consapevole del fatto che logo e brand rappresentano elementi comunicativi di forte portata, fondamentali per essere competitivi e ben posizionati nel mercato, ma anche, soprattutto, nella mente del cliente.

Fonte: ninjamarketing.it., crearelogo.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts