La gestione dell’attività  fieristica

L’evento fieristico si presenta come momento imprescindibile in modo particolare per le piccole e medie imprese che trovano in esso un’occasione per conoscere le tendenze di mercato e le aspettative dei propri clienti: grazie, infatti, agli stimoli che nascono in fiera, le aziende possono stabilire le proprie strategie promozionali e, talora, anche quelle produttive.
Ad oggi sembra essersi compiuto pienamente il passaggio nella gestione delle manifestazioni da un orientamento al produttore/espositore ad un orientamento all’acquirente/visitatore, sul quale si sono plasmate nuove e più efficaci esposizioni predisposte all’invio di messaggi sempre più mirati e consapevoli.
Un approfondimento particolare della manifestazione fieristica deve essere effettuato prendendo in considerazione la prospettiva comunicazionale della gestione della fiera stessa.
Infatti, secondo la moderna ottica di comunicazione aziendale – ovvero secondo una visione per cui ogni elemento, aspetto e attività  messa in atto dall’impresa, contribuisce a influenzare l’immagine e a perseguire i risultati aziendali, accrescendo il valore economico dell’impresa – la fiera rappresenta uno strumento:

integrante, poichè permette di trasmettere una serie di messaggi espliciti ed impliciti, in modo coordinato e sinergico, che raccontano l’identità  aziendale e contribuiscono a creare o migliorare la sua immagine.
Attraverso l’attività  fieristica sono attivate tutte le quattro forme della comunicazione integrata:
la comunicazione commerciale, finalizzata al consolidamento e all’ampliamento dei mercati di sbocco
la comunicazione organizzativa, il cui obiettivo è l’ottimizzazione della gestione delle risorse umane dell’impresa
la comunicazione per il reperimento delle risorse strategiche, che è rivolta a creare adesione e consenso dei mercati di approvvigionamento delle risorse stesse
la comunicazione istituzionale, la cui finalità  è la creazione del consenso generalizzato dell’ambiente in cui l’impresa opera

interattivo, perchè il flusso di informazioni rilevabili è biunivoco e reciproco:  dall’impresa-ambiente con funzioni informative e dall’ambiente verso l’impresa, permettendo di ottenere preziose informazioni qualitative sul pubblico, aggiornare i data base e pianificare le azioni future
complesso, in considerazione del fatto che i messaggi sono di tipologie molteplici e vengono recepiti dal pubblico attraverso i cinque sensi, adattandosi alle molteplici chiavi di lettura che il visitatore intende usare.
Attraverso l’analisi dei meccanismi strategici ed operativi che fanno capo all’attività  fieristica delle imprese, si delinea l’esistenza di fasi successive dotate di finalità  strategiche.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts