IL POPOLO DI INTERNET

L’indagine è stata effettuata on line su un target di potenziali utilizzatori/compratori di pacchetti viaggio/vacanze in rete (il popolo di Internet) e omogeneamente suddiviso sul territorio nazionale: uomini e donne, di età  maggiore di 18 anni, di classe sociale medioalta, che viaggiano per vacanza sia in Italia che all’estero. Le persone intervistate sono risultate, in media, i decisori principali degli acquisti in tema di viaggi.
I risultati evidenziano nuove e interessanti tendenze e tracciano l’identikit del nuovo “viaggiatore internauta”.
1. Il nuovo Viaggiatore
Il “viaggiatore internauta” si sposta in media 1-2 volte all’anno: per il 66% in Italia e per il 57% all’estero. Il viaggio con gli amici emerge come modalità  più diffusa (61%) e sostanzialmente come quella preferita. Il popolo di Internet si caratterizza come “viaggiatore” più che come “turista“: viaggia per “staccare la spina” dalla realtà  quotidiana (57%), alla ricerca di comfort ma anche del contatto con culture e popolazioni diverse. Si sposta per lo più in aereo (78%) o in auto (78%), ma mostra un forte interesse anche per soluzioni di trasporto alternative, come il fuoristrada o il camper. E’ un pubblico sostanzialmente autonomo: solo il 3% ha evidenziato una preferenza per viaggi che prevedano l’accompagnatore dall’Italia.Cerca nei viaggi un mix di comodità , movimento, funzionalità , mostrando scarso interesse sia per le strutture troppo eleganti sia per quelle troppo “spartane” e una netta preferenza per le “strutture di charme” (52%). Il 79% preferisce informarsi su Internet prima di acquistare un viaggio e presta grande attenzione a servizi aggiuntivi di contenuto, legati alla stretta fruizione del proprio viaggio, come le mappe (79%) e le soluzioni ad hoc (72%). L’utente medio abbassa la propria soglia di attenzione verso i servizi tecnologici durante le proprie vacanze, mostrando una preferenza per l’utilizzo di strumenti relazionali (Internet Cafè, 40%; cellulare, 33%). Resta significativo però l’interesse, coerente con l’atteggiamento proprio del target di riferimento, verso l’utilizzo di “tecnologie di viaggio” come il cellulare satellitare o il GPS.
2. Le destinazioni emergenti
Cresce l’interesse per le mete extraeuropee e fra i nuovi sogni conquistano i primi posti l’Australia (51%) e i Poli – Artide e Antardide – (21%). L’Africa conferma il proprio fascino e fra le mete che si vorrebbe visitare mantiene una percentuale di preferenze del 47%. Cambiano anche i contenuti del viaggio: il 71% è interessato a viaggi di tipo culturale e artistico, l’82% a viaggi di tipo naturalistico e di avventura/movimento con un’attenzione emergente verso le mete di interesse etnologico (20%).
3. Internet: come sta cambiando il mondo dei viaggi?
Il 90% degli intervistati ritiene che il web abbia fatto aumentare il desiderio di viaggiare: Internet è percepito come strumento di diffusione della cultura del viaggio e influenzatore di nuove mete, tendenze e mode turistiche. Cresce l’attenzione per i cataloghi on-line: sveltiscono il processo di scelta, facilitano la comparazione dei servizi offerti dai vari operatori e, in particolare forniscono, in tempo reale variazioni e aggiornamenti. Chi viaggia in rete manifesta un forte interesse per i Tour Operator che offrono tutte le informazioni e i servizi online: l’86% degli intervistati giudica questo tipo di offerta ampiamente interessante ma l’aspettativa verso una proposta on line presenta ancora ampi margini di soddisfazione. I livelli medi di percezione verso Tour Operator on line sono infatti sostanzialmente omogenei segnalando un’evidente attesa da parte del “viaggiatore internauta” verso un’offerta più ampia, strutturata e innovativa.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts