Google City Pages: le recensioni contano sempre di più

Google non rallenta la sua corsa all’innovazione e continua lo sviluppo di Google Places: la piattaforma è sempre di più una combinazione multi-funzionale di conversazioni social, offerte, connessioni mobile, promozioni a pagamento e recensioni.

Ma la novità più importante sono le Google City Pages, ovvero pagine tematizzate per destinazione, con descrizioni e recensioni per le attività presenti sulle mappe.

Questo nuovo strumento, ovviamente ideato con lo scopo di diffondere l’utilizzo di Google anche per le ricerche locali, si propone di aumentare la visibilità di negozi, ristoranti e hotel con un approccio più user-friendly.

Le Google Pages (al momento visibili per le metropoli americane Portland, Austin, San Diego e Madison) vogliono essere delle directory per ogni attività presente in città, proponendone anche foto e recensioni.

Le informazioni vengono presentate in home page come “Top Places” della destinazione: i posti migliori secondo la community, da filtrare per categoria (Ristoranti, Bar, Caffè, Salute Fitness & Beauty, Hotel, Shopping, Luoghi di interesse) e sub-categoria tematica.

Ma ci sono anche la sezione Community, un blog dove sono condivise notizie e recensioni, e la sezione Google Offers, dove trovare offerte giornaliere sul modello di Groupon.

Infine la sezione Business Owners raccoglie tutti i servizi che il proprietario di una attività può attivare su Google Places: Inserimento, Offerte, Google Boost per l’advertising e TalkBin, un servizio che permette ai clienti di inviare all’attività recensioni, commenti e richieste direttamente da mobile.

L’impatto più importante di tutti questi nuovi servizi sarà sicuramente quello sui risultati dei motori di ricerca.

Per l’indicizzazione verranno considerate anche le parole utilizzate nelle recensioni per descrivere le attività .

Dal 13 giugno Google ha infatti già iniziato ad inserire nelle Mappe di USA e Gran Bretagna termini e frasi utilizzate dagli utenti nei loro commenti on-line.

Il monitoraggio della brand reputation è quindi una funzione sempre più importante dell’attività di marketing, a cui è necessario dedicare tempo e impegno in un’ottica non solo difensiva, ma soprattutto pro-attiva.

Fonte: BookingBlog.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts