10 cose da fare e da non fare sulla Fanpage di Facebook

Dopo aver partecipato al convegno sui “Social media come chiave di successo in campo turistico”, rimaniamo sul tema social: ecco un’elenco delle cose da fare e altre da evitare sulle Fanpage di Facebook.
Facebook avrà anche milioni di iscritti, ma avere una pagina sul celebre social network non significa necessariamente che in automatico aumenta il proprio volume di vendita o il traffico sul sito internet aziendale…

Da fare:

1. Sfruttare i vantaggi della localizzazione geografica. L’applicazione Facebook Places consente agli utenti di loggarsi da un posto preciso e di far sapere al proprio network di amici dove si trovano in quel dato momento.
Fate in modo che i vostri clienti siano anche i vostri promotori: ovvero che facciano sapere agli altri quando sono nella vostra struttura. E per ringraziarli del servizio, magari proponete loro attraverso questa applicazione offerte speciali e omaggi.

2. Utilizzare Facebook per le attività di customer service: Facebook può aiutarvi, con costi contenuti, a comunicare facilmente con i clienti che diventano fan della vostra pagina. La bacheca, i forum e gli status updates possono aiutarvi a rispondere a domande generiche o tecniche, postare gli aggiornamenti dei nuovi prodotti e offrire una sezione di FAQ.

3. Taggate! Il tag serve ad identificare un utente di Facebook in una foto o video, è un’azione che innesca un aggiornamento sulla bacheca dell’utente. Fai il tag della tua azienda e dei tuoi clienti nei video e nelle foto il più spesso possibile.

4. Aggiungete come amici gli amministratori dei gruppi di Facebook (gli opinion leader del social network) e indirizzare loro offerte speciali e buoni sconto, che possano girare agli iscritti dei propri gruppi. Un aggiornamento dello status, un messaggio sul wall o un messaggio da parte dell’amministratore di un gruppo, avrà ritorni migliori di un messaggio di massa, che mandi a tutti i membri.

5. Aggiungi il bottone “like” sul sito aziendale, ma studia il posto in cui lo posizioni. Per esempio mettilo vicino ai form per iscriversi alla newsletter. Gli utenti sono più disposti a cliccare sul bottone like quando hanno già deciso di voler restare in contatto con te.

Da evitare:

1. Non lasciare che il wall sia la prima cosa che vedono le persone che per la prima volta “atterrano” sulla tua pagina Facebook. La pagina Facebook di un’azienda è solitamente piena di aggiornamenti di status e commenti degli utenti. Creare invece una welcome page appropriata!

2. Non disattivare i commenti dal tuo account. C’è sempre il rischio di ricevere commenti negativi, ma, che siano o meno giustificati, bisogna rispondere in un’ottica di customer service.

3. Non postare gli eventi solo su Facebook. Chiedi sempre agli utenti di registrarsi agli eventi sul tuo sito internet.

4. Non continuare a mandare messaggi agli iscritti della tua pagina, molti utenti non le guardano neanche le tue email. Assicurati che il messaggio offra un reale valore ed evita messaggi generalisti che parlano della tua azienda o di un’offerta generica: sarebbero considerati come gli SPAM della posta elettronica.

5. Non reindirizzare gli ads di Facebook alla tua fanpage, ma piuttosto rimanda gli utenti sul tuo sito internet: una piattaforma con contenuti sicuramente più ricchi e controllati.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts