Facebook acquista Whatsapp – Zuckerberg avrà di nuovo visto bene?!

20 febbraio 2014! Facebook, dopo l’acquisto miliardario di Instagram, ha comunicato l’acquisizione di WhatsApp, l’applicazione numero uno nel settore dell’instant messaging, per la cifra di 16 miliardi di dollari.

L’acquisizione consisterà nel pagamento di 4 miliardi di dollari in cash e di 12 miliardi di dollari in azioni Facebook, nonché in un potenziale pagamento aggiuntivo e l’introduzione di Jan Koum, fondatore di WhatsApp, tra i dirigenti di Facebook. Con 300 milioni di utenti attivi al mese e una media di 11 miliardi di messaggi spediti ogni giorno, WhatsApp si aggiudica il podio tra le applicazioni di instant messaging più utilizzate.

Secondo le statistiche e le previsioni, entro la fine del 2014 i messaggi spediti con le applicazioni di questo tipo saranno oltre il doppio di quelli inviati col sistema a pagamento SMS: 41 miliardi di messaggi giornalieri contro i 19,5 degli SMS tradizionali.

Questo incremento ha già attirato le attenzioni degli operatori turistici, tanto che a Rimini già  la scorsa estate si è assistito alla prima sperimentazione di prenotazione alberghiera attraverso WhatsApp. In pratica, all’interno della scheda dell’albergo selezionato per il test veniva inserito l’invito per gli utenti ad utilizzare la famosa applicazione per richiedere informazioni.

Appena scattato il periodo estivo, i messaggi sono aumentati vertiginosamente, sino ad arrivare ad un picco di 10 richieste al giorno, per un totale di oltre 200 richieste per tutta la stagione. La validità del mezzo non si è riscontrata solamente nella quantità di richieste, ma anche nel numero di conversioni, cioè di richieste e contatti che si son convertiti in richieste di prenotazione. Questa facilità di comunicazione è propria del mezzo, che contemporaneamente è più user-friendly rispetto alla mail e alla telefonata e meno invadente. Molti utenti lo utilizzano con la stessa semplicità con cui scrivono ad un amico.

Per gli ideatori della proposta, il primo test è stato un successo, e presto sarà esteso ad altri alberghi. Inoltre le possibilità  che si aprono per gli utenti sono davvero tantissime. Oltre allo scambio di messaggi a costo zero, WhatsApp permette l’invio di allegati, tra cui file, immagini e audio, con cui è possibile, per l’albergatore, rendere visibili le peculiarità del proprio hotel. Inoltre, data la sua tecnologia di trasferimento dati attraverso il web, l’invio e la ricezione di messaggi è gratuita in tutto il mondo.

Noi di IdeaTurismo siamo da sempre attenti alle nuove possibilità e sfide del mercato, in particolare alle nuove occasioni che si presentano nel campo del mobile marketing per garantire soluzioni efficaci e competitive!

Fonti: formazioneturismo.com – ilsoftware.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts