estate: 24 milioni in vacanza, il 76% in Italia

Saranno 24 milioni, rispetto ai 23,7 milioni del 2005, gli italiani che prevedibilmente faranno vacanze questa estate, pari al 50,3% della popolazione maggiorenne. Il dato è di Federalberghi, che ha svolto una indagine con il supporto tecnico dell’Istituto Dinamiche su un campione di 3 mila persone.

Al momento gli indecisi sono il 5,5% della domanda, pari a circa 2,5 milioni di persone. Coloro che invece sicuramente non faranno alcun periodo di vacanza durante il quadrimestre estivo saranno quasi 21 milioni di persone maggiorenni pari al 44,2%. Tra coloro che faranno sicuramente vacanze, il 76% rispetto al 72% del 2005 (pari a 18,1 milioni rispetto ai 17 milioni del 2005) resteranno in Italia.

Il 19%, invece, rispetto al 22% del 2005 (pari a 4,5 milioni rispetto ai 5,2 milioni del 2005) andranno all’estero, confermando la tendenza dell’italiano a scegliere sempre più vacanze nostrane meno care rispetto a mete estere più costose.

I MESI PIU’ GETTONATI – Nel dettaglio dei mesi privilegiati per le proprie vacanze, si assiste a qualche novità . Giugno, che l’anno scorso raccolse il 6,8% di intenzioni di vacanza, si attesterà  quest’anno al 7,2% della domanda (1,7 milioni di turisti). Anche luglio, sarà  caratterizzato da un incremento previsionale, in quanto il 27,5% (rispetto al 26,9% del 2005) lo indica quale mese preferito per svolgere un periodo di riposo. Questo significa che 6,6 milioni di italiani maggiorenni faranno le proprie vacanze a luglio. Agosto, nemmeno a dirlo, rimarrà  il mese più affollato. Il 51,1% dei vacanzieri (pari a 12,2 milioni di italiani maggiorenni) sceglierà  questo mese per recarsi al mare o in montagna. Settembre, infine, probabilmente a causa dello spostamento in molte Regioni dell’inizio dell’anno scolastico, sembra al momento il mese con il calo maggiore. Il 7,2%, rispetto al 9,5% del 2005 degli italiani maggiorenni (pari a 1,7 milioni rispetto ai 2,3 milioni del 2005) andrà  in vacanza in questo mese.

GLI STRANIERI IN ITALIA – Per quanto riguarda il turismo estero durante l’estate, i segnali, al momento, fanno ben sperare in un buon recupero degli statunitensi e dei giapponesi, che cominciano a riaffacciarsi numerosi, pur a macchia di leopardo, in alcune città  d’arte e d’affari. I tedeschi, inoltre, che costituiscono da sempre il turista straniero per eccellenza, sembrano aver interrotto l’emorragia registrata negli ultimi anni e si prevede dunque un lieve recupero anche in termini percentuali. Francesi ed inglesi, infine, si mostrano in buona tenuta e lieve crescita, mentre dai Paesi dell’Est Europa cominciano a registrarsi indicatori sempre più positivi.

IL ‘PONTE’ DEL 2 GIUGNO – Saranno oltre 6 milioni, rispetto ai 5 milioni del 2005 (pari al 13% della popolazione maggiorenne rispetto al 10,6% del 2005) gli italiani che approfitteranno del ‘ponte’ del 2 giugno per concedersi un primo assaggio di vacanze estive. Di essi la stragrande maggioranza, pari al 90,7% rispetto all’88,4% del 2005, rimarrà  in Italia. Tra chi invece andrà  all’estero si prevede un flessione, infatti il 7,5% rispetto al 10% del 2005 sceglierà  località  al di fuori dei nostri confini.

DOVE IN VACANZA – Nella scelta della tipologia della vacanza di questo ‘ponte’ le località  marine saranno quelle prese letteralmente d’assalto. Il 51,5% sceglierà  il mare italiano, il 17% andrà  in località  di montagna ed l’10,8% preferirà  le città  d’arte maggiori e minori. Un 4,3% preferirà  le innumerevoli località  termali del Bel Paese ed un 3,4% si bagnerà  in uno dei tanti laghi italiani.

DOVE SOGGIORNARE – L’alloggio vedrà  una affermazione della struttura alberghiera con il 30,4% della domanda. Seguono la casa di proprietà  con il 21,4% della domanda, la casa di parenti o amici con il 12,9%, il campeggio con il 7,2%, l’agriturismo con il 7% ed il villaggio turistico con il 6,4%.

SPENDENDO QUANTO – La spesa media pro-capite, comprensiva di viaggio, alloggio, ristorazione e divertimenti, si attesterà  sui 219 euro. Ciò determinerà  un giro d’affari turistico di 1,35 miliardi di euro.

FONTE: ANSA, 30 Maggio 2006

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts