ECCO LA GUIDA DEL GAMBERO ROSSO

Aumentano i grandi ristoranti eccellenti (da 16 a 20), ma al vertice della cucina italiana ci sono sempre loro due: Fulvio Pierangelini de ‘Il Gambero Rosso’ a San Vincenzo (Li) e Gianfranco Vissani di Baschi (Tr) che si aggiudicano il massimo del punteggio in cucina (56). Questo il giudizio del ‘Gambero Rosso’, la Guida ai Ristoranti d’Italia 2005 (pp.528; 20 euro), presentata oggi da Stefano Bonilli, patron del gruppo, alla Citta’ del Gusto.

Pierangelini resta pero’ re incontrastato con 96 punti se oltre alla cucina – che lo vede a pari merito con Vissani – si prendono in considerazione anche la cantina, il servizio e l’ambiente.

Ma oltre la conferma del vertice, le novita’ non mancano: i nuovi ristoranti ad aggiudicarsi le ‘Tre forchette’, il massimo del punteggio, sono appunto sei e tra questi ‘Lorenzo’ a Forte dei Marmi e Antonello Colonna di Labico (Roma), un emergente oramai consolidato della gastronomia nazionale. I restanti 16 consolidano il loro primato, restando nell’empireo della cucina nazionale: tra questi, Heinz Beck della Pergola dell’Hilton di Roma e Nadia Santini chef mitica di ‘Dal pescatore’. Dal vertice della classifica escono in due l’Antica Osteria del Teatro di Piacenza e ‘Da Caino’ di Montemerano.

Dal punto di vista regionale altra sorpresa: il Veneto vanta al suo attivo ben cinque ‘Tre forchette’ ed e’ la prima volta per una regione.

”Una classifica – ha detto Bonilli – che dimostra come la corsa al sensazionale, la nascita di piatti e di menu pensati e fatti piu’ per strappare un titolo da prima pagina e una bella foto per soddisfare le esigenze del pubblico abbiano gia’ fatto il loro tempo. La scena – ha spiegato – e’ dominata dai veri innovatori, dai grandi interpreti. Come dimostrano i nomi dei cuochi emergenti”. E tra questi basti citare Ciccio Sultano del ‘Duomo’ di Ragusa o Angela Di Crescenzo di ‘Villa Majella’ di Guardiagrele (Ch).

La Guida (1.673 i locali riportati in 1.017 localita’) da’ un’altra conferma: la preminenza della provincia sulla citta’. Non e’ un caso che ben 17 dei 20 ristoranti al top siano appunto in piccoli centri.

Ma ‘Gambero Rosso’ non offre solo i grandi ristoranti dove mangiare vuol dire mettere mano in maniera seria al portafoglio, indica anche tutta una serie di locali dove il rapporto tra qualita’ e prezzo resiste. Tra questi i migliori sono 20, sparsi tra tutte le regioni italiane. Cosi’ come sono 11 le migliori trattorie italiane (Tre Gamberi).
”Diversi fra loro come storia e come offerta, ma accomunati da alcuni parametri fondamentali: la valorizzazione dei prodotti del territorio, una gestione familiare e un’attenzione ai prezzi. Una voce importante questa – ha osservato Bonilli – in un anno che e’ stato segnato da pesanti (e giuste) polemiche sull’aumento dei prezzi”. Anche in questo caso, a far da padrone e’ la provincia che ne conta ben 10 su 11 al vertice. Per quanto riguarda le migliori cantine al top ancora ‘Enoteca Pinchiorri’ a Firenze. Il Premio ‘Raisat Gambero Rosso Channel’ (perche’ la Guida fa ormai parte di un gruppo multimediale che ha centro alla Citta’ del Gusto) per i ‘Talenti in cucina 2005′ e’ andato a Roberto Petza del ‘S’Apposentu’ di Cagliari. Come e’ oramai tradizione, i 20 cuochi dei ristoranti al top presenteranno i loro piatti migliori in una mega cena che si svolgera’ stasera alla Citta’ del Gusto e che vedra’ insieme politici, giornalisti, ristoratori. Per chi non e’ stato invitato, basta collegarsi venerdi’ 15 alle 22.00 su Raisat Gambero Rosso per vedere tutto: dalla preparazione alle cucine, alla cena, alla premiazione.

GUIDE: GAMBERO ROSSO, LA CLASSIFICA DEI VENTI AL TOP:
ROMA – Ecco la classifica dei migliori 20 ristoranti italiani secondo la Guida di ‘Gambero Rosso’:

1)  Gambero Rosso, San Vincenzo (Li); 96 punti (56 cucina) 
2)  Vissani, Baschi (Tr); 95 punti (56 cucina)
3) Dal Pescatore, Canneto sull'Oglio (Mn), 93 punti
4) Ambasciata, Quistello (Mn), 93 punti
5) La Pergola dell'Hotel Hilton, Roma, 93 punti
6) Enoteca Pinchiorri, Firenze, 92 punti
7) Don Alfonso 1890, Massa Lubrense (Na), 92 punti
8) Le Calandre, Rubano (Pd); 91 punti
9) La Siriola dell'Hotel Ciasa Salares, Badia (Bz), 91 punti
10) La Torre del Saracino, Vico Equense (Na), 91 punti
11) Villa Crespi, Orta San Giulio (No), 90 punti
12) Perbellini, Isola Rizza (Vr), 90 punti - new entry
13) Arquade de l'Hotel Villa del Quar, San Pietro in Cariano
(Vr), 90 punti - new entry
14) Laite, Sappada (Bl), 90 punti - new entry,
15) Il Desco, Verona, 90 punti
16) St.Hubertus de l'Hotel Rosa Alpina, Badia (Bz), 90 punti
17) Paolo Teverini, Bagno di Romagna (Fc), 90 punti
18) Lorenzo, Forte dei Marmi (Lu), 90 punti - new entry
19) La Madonnina del Pescatore, Senigalli (An), 90 punti
20) Antonello Colonna, Labico (Rm), 90 punti - new entry.

Fonte: ANSA, 11 Ottobre 2004

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts