Quando i contenuti di qualità fanno la differenza

I contenuti sono molto importanti per la buona riuscita della comunicazione e in generale per lo sponsor di un’azienda. Con l’avvento di Internet e della comunicazione web, siamo stati testimoni di un declino della qualità comunicativa.

La cosa è abbastanza inaspettata, visto che la comunicazione web è più libera, senza censura e gratuita; per questo i giornalisti avrebbero potuto sbizzarrirsi in contenuti di grande qualità. Ma si sa, non solo i giornalisti che scrivono sul web. Esistono molte figure che scrivono sul web, dai blogger, solitamente persone comuni a professionisti SEO, che puntano sul content marketing e sanno come ben comunicare, a giornalisti improvvisati o alle prime armi, che cercano di sfondare a amanti del social network, che scrivono in maniera lapidaria.

Per scrivere dei buoni contenuti il tempo è necessario, serve documentarsi, internalizzare il tutto, pensare ad un’ipotetica scaletta e creare un articolo chiaro e deciso, ben organizzato, che possa essere compreso da chiunque, indipendentemente da quanto specifico sia.
Craig Silverman – giornalista e direttore dei contenuti di Spundge – in una presentazione ha cercato di riassumere 9 punti cardine per la creazione di un buon contenuto.

Pensa a ciò che conosci.

Prima di tutto, sei già  esperto in un dato ambito? Conosci bene uno o più campi? Che argomento preferisci? Prova ad elencare ciò che ti piace e ciò che conosci bene.

Trova ottime fonti.

Le fonti sono molto importanti nella creazione di contenuti, si possono trovare in siti web, blog, libri, banche dati, o altro. Dopo aver trovato tutte le fonti, non fermarti però, ce n’è sempre una nuova! Tieniti aggiornato sui tuoi argomenti preferiti.


Leggi.

Per tenerti informato sulle fonti e capire se ne stanno nascendo delle altre, devi leggere molto. La lettura riempirà le lacune che puoi avere su un dato argomento, dove e se vuoi specializzarti in un sotto-argomento, e se il pubblico del momento sia concentrato su un ambito piuttosto che un altro. La lettura è un ottimo metodo di analisi per capire quel che funziona e quel che non funziona e spesso genera idee nuove e creative.

Salva.

Le cose che leggi ti stimolano domande? Salvatele e annota tutto quello che non è chiaro. Prima o poi leggerai qualcos’altro che risponderà a quel punto interrogativo.

Fai un riunione di redazione.

Parlarne con alcuni colleghi è molto utile. Si possono condividere le idee e controllare che non siano castronerie, si possono aggiungere degli argomenti al piano redazionale, inoltre si può pensare a titoli ad effetto. Tanti cervelli funzionano meglio di uno.


Datti delle scadenze.

Le scadenze fanno si che non si continui a portare avanti un progetto all’infinito. Sono importanti perché impongono una certa focalizzazione e motivazione. è utile renderle pubbliche, su un calendario editoriale che sia accessibile anche agli altri colleghi della redazione, di modo che tutti rispettino le scadenze e possano controllarsi a vicenda.

Scrivi.

I punti precedenti di preparazione sono imprescindibili per la creazione di un buon contenuto, inizialmente inizia senza censurarti troppo, scrivi di getto. Se ci sono fonti citale e inserisci link e tieni a mente che:

  • essere chiaro è la tua migliore arma
  • usare parole che conosci, anche se semplici, è meglio di usare termini di cui non sai benissimo il significato
  • usa ogni parola con cura, non buttare parole in mezzo al testo se non servono

Rivedi.

Una volta che hai scritto l’intero testo rivedilo, correggilo, rendilo più fluido e chiaro possibile. Se puoi fallo leggere a qualcun altro che possa darti dei consigli per migliorarlo. L’ideale sarebbe avere un editor, che faccia questo per tutti i contenuti che vengono pubblicati.

Ripeti dall’inizio.

Repetita iuvant, quindi non scoraggiarti se all’inizio il processo non funziona benissimo, col tempo internalizzerai i tuoi pregi e i tuoi difetti e capirai dove puntare.

Se stai cercando chi ti aiuti a migliorare i contenuti della tua azienda, i professionisti di Ideaturismo Marketing & Consulting, possono aiutarti! Contattaci per capire come!

Fonte:blog.tagliaerbe.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts