Content Marketing vs. Link Building

Content Marketing o Link Building?
Il dilemma che da tempo affligge i web master sembra finalmente trovare una soluzione… la risposta è proprio contenuta nell’immagine qui a fianco!

Content Marketing e Link Building costituiscono le due principali strategie di Web Marketing.

Sia che si tratti di un marchio aziendale, di un blog o semplicemente di un sito privato, chi si affida alla strategia che si avvale del Content Marketing predilige la qualità dei contenuti. Per essere stimolanti questi devono generare valore reale per gli utenti: presentare informazioni nuove o utili, offrire spunti di riflessione, fornire incentivi come sconti o promozioni, suscitare emozioni, affascinare l’utente, risultare piacevoli e nell’insieme richiamare l’attenzione. Soprattutto grazie alle possibilità virali e di condivisione, i profili social sono divenuti il canale di diffusione più utilizzato: Twitter, LinkedIn, Facebook e YouTube sono tra i più gettonati.

La capacità di generare contenuti interessanti e che stimolino la voglia di interazione degli utenti è divenuta una delle strategie di maggiore successo già nel 2011, mettendo in discussione le tradizionali strategie di marketing, tra le quali il link building. Infatti la produzione di contenuti di qualità rappresenta un vantaggio unico: invoglia gli utenti alla partecipazione e all’interazione con il brand, favorisce l’acquisizione di nuovi clienti soprattutto tramite le community e aumenta la brand awareness e la brand loyalty dei consumatori nei confronti della marca.


Inoltre la recente introduzione del nuovo algoritmo “Panda” da parte di Google mira proprio a premiare i siti web di qualità. Questo algoritmo si propone di arginare dalle pagine del motore di ricerca quei portali con argomenti inutili per gli utenti, caratterizzati da una massiccia presenza di link esterni e pubblicità, oppure ingannevoli, scritti con il solo intento di portare i visitatori sul sito per proporre poi argomenti totalmente diversi e non corrispondenti al termine cercato.

Il link building, invece, si basa su un approccio totalmente differente. Esso infatti cerca di rendere visibile il proprio sito aumentando esponenzialmente i link che puntano ad esso (ecco perché il termine link building, letteralmente “costruzione di link”). Molto spesso questa tattica consiste nell’acquistare link da siti più autorevoli, in modo che possano fare da traino al successo del proprio sito.

Secondo un interessantissimo post di TagliaErba dal titolo “Meglio il Content Marketing del Link Building!”, le ragioni per preferire il Content Marketing sarebbero 7:

1. Il valore di un contenuto è sicuramente più facilmente quantificabile rispetto a quello di un link inserito all’interno di qualche social network, blog o directory. Un contenuto oggi può infatti essere condiviso, votato e i risultati relativi a questo tipo di attività sono facilmente quantificabili;

2. Con buoni contenuti è più facile ottenere link in modo naturale, facendo in modo che siano gli utenti stessi del tuo sito a condividerli in rete;

3. Se non hai tempo per scrivere dei buoni contenuti, è più facile trovare dei buoni professionisti che lo facciano per te, mentre creare un team di esperti SEO ed esperti in link building è più dispendioso non solo in termini economici: richiede tempo e dedizione ed i risultati non sono sempre immediati;

4. Un sito web caratterizzato da contenuti buoni, interessanti ed aggiornati frequentemente riesce a difendersi più facilmente dalle novità di Google. Il lancio dei nuovi algoritmi, Google Caffeinte prima, Google Panda poi, ha dimostrato come il principale motore di ricerca della rete tenda a privilegiare i buoni contenuti;

5. è molto più facile trovare un buon copywriter, che scriva contenuti validi, che un buon link builder, che sappia rendere effettivamente fruttuoso il proprio lavoro;


6. Google vuole conoscere chi scrive contenuti ed il rapporto che lega quest’ultimo ai propri lettori: contenuti ottimi ed originali, condivisi sui social network e promossi da siti autorevoli, non possono che dare risultati positivi in chiave di posizionamento e di reputazione sul Web;

7. Scrivere contenuti è di gran lunga più divertente e creativo rispetto a scervellarsi tentando di trovare link validi ed inserirli dentro directory.

Anche noi di Ideaturismo, che con successo da diversi anni lavoriamo nell’ambito turistico alberghiero, siamo convinti dell’importanza di creare contenuti nuovi, interessanti, aggiornati e ben curati. Per questo motivo, almeno in una fase iniziale, consigliamo di investire maggiormente nella qualità dei contenuti, fornendo informazioni utili ai visitatori/utenti …

… Quindi Content marketing o link building? Se non vi abbiamo convinto con questo articolo, decidete voi … anzi, sarà Google a decidere per voi!

Fonti:
http://blog.tagliaerbe.com/2012/06/content-marketing-link-building.html

http://www.envisiongroup.it/menu/blog/item/16-content-marketing-o-link-building-due-strategie-a-confronto.html

http://blog.oneminutesite.it/impara_a_creare_il_tuo_sito_web/contenuti-interessanti-o-link-builiding-scopri-come-migliorare-la-tua-visibilita-in-rete/

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts