Una giornata a fianco di un consulente di marketing turistico

In un mondo come quello di oggi, in continuo cambiamento e che corre sempre più velocemente, una figura emerge dallo scenario professionale e si sta facendo largo con crescente successo nel mondo del turismo: quella del consulente. Una persona che ti aiuta a rinnovarti, che ti assiste nel prendere decisioni e che ti sa consigliare, grazie ad un’adeguata formazione e ad una valida esperienza su campo, quale sia la cosa migliore da fare. Qualche giorno fa ho avuto l’opportunità  di assistere ad una presentazione di studio di concetto dello staff di Idea turismo Marketing & Consulting, e cioè una delle fasi più interessanti dell’iter lavorativo di un consulente turistico. Nello specifico, si tratta del momento in cui il consulente propone ai titolari della struttura ricettiva, che hanno commissionato la consulenza, una serie di cambiamenti e soluzioni che possono rilanciare e apportare miglioramenti all’immagine della struttura.


Questa fase è normalmente preceduta da un accurato lavoro di analisi dei problemi e delle opportunità  da parte dello studio di consulenza, che seguirà poi la struttura recettiva nell’implementazione del concetto a livello di strutturale, di marketing e comunicazione.

La presentazione di studio di concetto è stata tenuta da Maurizio Giuliani, presidente di Ideaturismo, che, con l’aiuto di Giulia Travaglia, ha esposto ai titolari di un albergo della Piana Rotaliana quali fossero le strategie da attuare e i modelli da seguire per essere competitivi. È stato davvero interessante vedere come il concetto sviluppato includa, oltre alla formula strategica, anche piccoli dettagli apparentemente banali. Per essere vincenti sul mercato e differenziarsi, occorre che l’idea venga calata completamente all’interno della struttura, in ogni sua parte.
Da quello che ho potuto osservare, uno dei punti fondamentali del lavoro di un consulente è il rapporto con l’imprenditore. La relazione tra le due parti, pur essendo di natura professionale, dovrebbe essere libero ed informale, perché alla base ci deve essere la fiducia del cliente, che crede nelle potenzialità della sua attività  e si affida alla professionalità del consulente, accettando i suoi consigli. Come ha spiegato Maurizio Giuliani durante la presentazione, il vantaggio del consulente turistico è quello di vedere l’albergo con l’occhio dell’utente esterno e quindi di cogliere possibilità di cambiamento e concetti che comunicano bene, che l’albergatore non riesce a vedere perché è troppo abituato a vivere la sua struttura. A volte bastano azioni semplici e mirate per portare il turista a percepire emozioni vere e autentiche, che trasformeranno il suo soggiorno in un’esperienza unica.

Il concetto deve però essere prima di tutto condiviso dall’imprenditore, che deve sentirlo proprio, e calarlo nella gestione aziendale quotidiana. Non sarà mai solo: Ideaturismo scende sempre in campo in prima persona a fianco del proprio cliente, per supportarlo in ogni decisione e guidarlo nei momenti di difficoltà come di successo. Finché consulenza non li separi.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts