Gli utenti e internet: analisi dei comportamenti

La quattordicesima edizione dell’osservatorio europeo, realizzata su un campione di 210 000 navigatori Internet europei, ha fatto emergere dati interessanti sull’utilizzo della rete.
Tra i principali vi sono:

  • Il tempo medio giornaliero trascorso sulla rete è di oltre 2 ore per la maggior parte dei minori di 25 anni, e di oltre 1 ora per la maggior parte degli over 25.
  • La rete viene utilizzata soprattutto per comunicare direttamente con altre persone (chat, email, blog, forum, messaggistica)
  • La maggior parte dei siti consultati sono blog e i siti di community (social network). I giovani in particolare vivono con alto interesse il Web 2.0

Dati interessanti emergono anche in relazione ai comportamenti d’acquisto:

  • Oltre il 60% degli utenti utilizza internet per cercare informazioni preliminari un acquisto.
  • Oltre il 50% degli utenti mostra soddisfazione verso la pubblicità online, soprattutto relativamente al fatto che la trova innovativa e creativa, e perché gli aiuta a scoprire nuovi prodotti e servizi.
  • Oltre il 40% degli utenti mostra soddisfazione verso la pubblicità online perchè fa trovare quello che l’utente cerca.

Dalla ricerca, riguardo il target giovane
Si può dunque affermare che, anche con riferimento ad Internet, media destinato a toccare in particolar modo i giovani, risulta indispensabile adattare la propria comunicazione, integrando la dimensione comunicativa e di svago, che costituiscono la principale motivazione di navigazione dei giovani su Internet.
La pubblicità interattiva (attraverso il gioco) o partecipativa (attraverso il richiamo al contributo), così come il marketing virale, sono infatti delle piste da privilegiare per ” sedurre” questa generazione di navigatori. alla quale bisogna saper parlare correttamente. Queste tecniche permettono, soprattutto ai giovani, di appropriarsi maggiormente dei messaggi pubblicitari e di accrescerne così l’efficacia.
In relazione al turismo, dai dati sopraesposti di può desumere quanto segue:

  1. La rete ha un ruolo fondamentale nell’offrire le informazioni su cui gli utenti basano la propria scelta finale, prima di decidere una destinazione o una struttura ricettiva. Questo significa che i siti o i portali devono contenere informazioni molto dettagliate e complete, devono essere ricchi di foto e informazioni accessorie e devono permettere all’utente di approfondire la conoscenza sui contenuti esposti in modo immediato e facile.
  2. La rete viene preferita ad altri strumenti di informazione quali giornali e tv.
  3. Il pubblico giovane ama molto i siti che interagiscono in modo intelligente non solo con lui, ma con il suo target di riferimento (per quel che riguarda il sito web) e con la sua community di appartenenza (per quel che riguarda l’utente). Funzioni proprie del Web 2.0 e attività di social network aumentano di fatto notevolmente l’appeal verso le strutture o i portali turistici.
  4. Farsi trovare nel momento del bisogno è fondamentale per riuscire a offrire le informazioni che servono nel momento più importante nel processo d’acquisto: quello appena prima le decisione finale d’acquisto. Il che significa in primis alta visibilità nei motori di ricerca e nei portali verticali di settore. Ma significa anche essere presenti nei social network non solo con spot, ma il più possibile in maniera attiva (partecipando alle discussioni e rispondendo online, ad esempio a possibili critiche emerse da clienti passati o a discussioni dove si trova attinenza).
  5. Il social network è destinato a essere nel tempo sempre più il luogo dove gli utenti cercheranno informazioni obiettive e riferimenti su cui chiedere e ricevere informazioni. Non a caso portali come www.tripadvisor.it si stima siano in grado di dirottare decisioni sulle località di villeggiature, semplicemente leggendo i commenti degli utenti che vi sono gia stati.

Fonte: Mymarketing, 2 dicembre 2008

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts