Caro-ombrelloni, si spenderà  il 14% in più.

Bagni e tintarella più cari sulle spiagge italiane per l’estate che sta arrivando. A luglio-agosto, per passare una giornata su un arenile attrezzato, si dovrà  spendere il 14% in più rispetto allo scorso anno. Il tutto, ovviamente, senza contare il costo di benzina, panini, ristorante e quant’altro. A calcolare il caro-ombrellone 2006, attraverso una meticolosa rilevazione che per una settimana l’ha portata a battere a tappeto le principali località  balneari italiane, è l’associazione di tutela dei consumatori Adusbef. “Il sindacato dei gestori di stabilimenti balneari – conferma il presidente dell’Adusbef Elio Lannutti – mette le mani avanti e parla di aumenti contenuti tra il 2,5 ed il 5%. Per la verità , le voci di costo (ombrellone, lettino, etc.) aumentano mediamente di oltre il 14%”.

COSTI – Secondo la rilevazione dell’associazione, infatti, per una sdraio si pagherà , in luglio e in agosto, il 16% in più (da 6 a 7 euro); per un ombrellone il 15,3% in più (da 6,5 a 7,5 euro); e per un lettino il 14,2% in più (da 7 a 8 euro). “Quanto al biglietto d’accesso agli stabilimenti – precisa ancora l’indagine – di norma non viene richiesto, ma quando è previsto passa mediamente da 4 a 5 euro, con punte di 7 euro qualora dia il diritto ad accedere a servizi particolari, come la piscina”.

ABBONAMENTI – Ci sono poi le formule di abbonamento: per quello giornaliero (ombrellone+lettino+sdraio), il rincaro medio rispetto al 2005 è del 18,7%; per il settimanale si riscontra una variazione verso l’alto che varia dall’8,3 all’11,5%; per il mensile da un minimo di +10% ad un massimo di +12%. Un vero salasso sembra essere infine l’abbonamento stagionale: qui gli aumento variano da un +33,3% ad un massimo di +50%.

“DATI FALSI” – A ribattere all’allarme sul caro-ombrellone lanciato dall’Adusbef, è il segretario della Fiba-Confesercenti Tullio Galli: “Non riesco a capire da dove arrivano i dati delle associazioni dei consumatori. Ma dire che aumenteranno del 14% è terrorismo, fa male al turismo e agli operatori. Quest’anno i prezzi di ombrelloni, sdraio e lettini, su nostra indicazione, sono rimasti fermi. Proprio per evitare questa caccia alle streghe”.

FONTE: Repubblica.it, 14 maggio 2006

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts