Marketing in vacanza

L’idea di marketing più ingegnosa dell’estate?
Viene dalla Danimarca. A lanciarla è una birra, la Royal Pilsner, marchio del gruppo Unibrew, uno dei più importanti a livello europeo (nel 2006 ha prodotto 6,4 milioni di ettolitri di birra, con un giro d’affari complessivo di 460 milioni di euro).
A metà agosto, come succede ormai da tre anni, la Royal proporrà infatti ai suoi consumatori cinque giorni di vacanza in can rooms, ovvero in stanze-lattine.
Obiettivo: far vivere un forte brand experience ai ragazzi presenti al Danmarks Smukkeste Festival, uno degli eventi musicali più affollati del Nord Europa.
E quale migliore occasione per entrare a contatto con la filosofia del marchio, se non vivendo all’interno di una lattina formato gigante?
Costruite in materiale compatibile con l’ambiente, alte 3 metri e con un diametro di oltre due metri, le can rooms – 121 in tutto – saranno piazzate in un’area adiacente il palco, con tanto di bar e ristoranti per facilitare la socializzazione fra gli ospiti.
Come ogni edizione, gli arredi saranno forniti da Ikea, che doterà ogni lattina di un tavolinetto, due sedie, uno specchio e un letto matrimoniale, con lenzuola a marchio Royal.
Non mancheranno nemmeno l’aria condizionata e un mini frigorifero, dove gli ospiti potranno trovare un’ingente scorta di bevande Unibrew.
Per accontentare anche i consumatori più esigenti (e claustrofobici!), è stata poi creata un’originale finestra sulla parte superiore delle lattine, che – come hanno puntualizzato gli ideatori del progetto – hanno lo scopo di favorire il ricambio di aria e di illuminare le anguste stanzette con la luce del sole.
Realizzate per la prima volta nel 2005, le can rooms si sono rivelate da subito una trovata vincente: proposte su internet a prezzi di gran lunga inferiori a quelli un ostello, sono andate esaurite in soli 40 secondi.
Un successo che si è replicato lo scorso anno e che questi giorni, a due mesi dall’inizio del Festival, sta già facendo parlare di sé tutti i media danesi.
Quando arriveranno in Italia, che per la Unibrew rappresenta il secondo mercato a livello mondiale, grazie al marchio Ceres?

Fonte: mymarketing.net, 24 Luglio 2007

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts