Il benessere dell’accoglienza: concept

Si è chiusa la 33° edizione dell’Expo Riva Hotel, appuntamento ormai consolidato per chi lavora nel settore dell’accoglienza e dell’hotellerie.

La fiera dell’Alto Garda Trentino ha visto la partecipazione di addetti ai lavori ed esperti di settore proveniente da tutta Italia.

Anche quest’anno non sono mancate proposte innovative e spunti di qualità, che si sono contraddistinti nel corso della manifestazione.

Nella sezione dedicata al wellness, in particolare, si segnala una proposta legata alla progettazione e al concetto di benessere come elemento caratteristico di ogni ambiente dell’hotel: si tratta della possibilità di realizzare spazi rivolti all’accoglienza che siano improntati al benessere, con interventi fatti su misura e ritagliati intorno alla necessità  dell’albergatore, che riescono a tener conto di esigenze pratiche come budget e tempi di realizzazione molto precisi.

Un felice esempio del risultato a cui si può arrivare con l’accordo e la sinergia di esperti di settori complementari è stato presentato dalle aziende IdeaTurismo (consulenza alberghiera), Studio Tecnico Arch. Pisoni (progettazione alberghiera) e Projectline (realizzazione e management alberghiero): marketing, architettura e progettazione di interni a servizio della realizzazione/ristrutturazione alberghiera.

Il benessere dell’accoglienza: partire da un’idea

Il benessere dell’accoglienza parla chiaro: il messaggio degli espositori si è concretizzato in uno stand-stanza, la miglior spiegazione possibile di quanto sia possibile produrre lavorando in team, coordinandosi e seguendo tutti un’idea ben determinata.

Nei 40 mq di stand, a parlare non tanto gli specialisti, quanto il loro lavoro.

E il risultato finale è certo eloquente: un’originalissima stanza realizzata per l’evento, in grado di sintetizzare la filosofia di lavoro del gruppo. Un open space in cui nulla è stato lasciato al caso: dalle pareti in cui la fotografia di un bosco di betulle sfuma in vere betulle, che vengono poi nuovamente riassorbite dalla parete su cui sono accennate in uno stile grafico, alla pavimentazione dove non c’è traccia di linoleum o materiali sintetici, ma è tutto un alternarsi di legno, pietra e tessuti.

Allo stesso modo, nulla è scontato negli arredi e nei complementi d’interno: protagonista dello spazio notte un originalissimo letto circolare a foglia, il benessere regna al centro nell’ambiente, con una vasca in cristallo, con un lettino in legno per il relax e la living room si sviluppa intorno ad un camino (ovviamente artificiale, ma che dà  un tocco quasi manierista all’insieme), con delle profonde sedute in legno di betulla evaporato, rese ancor più calde e accoglienti con inserti di vello di pecora.

Benessere e accoglienza: sono questi i cardini che hanno guidato la progettazione prima e la realizzazione poi di questo spazio campione, paradigma di come, sapendo accostare elementi essenziali, guidati da un’idea ben chiara, si possano ottenere risultati di sicuro effetto con ragionevoli costi di tempo e spazio.

Il benessere dell’accoglienza: essere concreti rispettando tempi e costi

È chiaro che una vetrina di questo tipo non vuol essere solo l’esercizio di abili professionisti, ma vuole offrire la dimostrazione che un’azione integrata tra studio del target e del concept, progettazione e realizzazione pratica, può portare a risultati tangibili davvero apprezzabili (non da ultimo in termini economici).

A fare da corredo al riuscitissimo allestimento anche disegni, progetti, foto di cantiere e di strutture finite già realizzate.

Due esempi significativi incarnano il modus operandi del gruppo di lavoro: il Family & Wellness Hotel Casez (www.hotelcasez.it), struttura in Val di Non tematizzata intorno alla mela, e l’Active Hotel Olympic di Vigo di Fassa (www.activehotelolympic.it), albergo che nel giro di 2 mesi ha visto realizzato un nuovo piano con stanze ispirate alle discipline sportive della montagna estiva e invernale e alla tradizione ladina.

Uno degli elementi che più ha colpito il pubblico, gli specialisti del settore, ma soprattutto gli albergatori, è senza dubbio la rapidità dei tempi di realizzazione del lavoro.

Nel giro di una stagione il volto di una struttura (e in molti casi la percentuale di occupazione e il fatturato) può davvero cambiare.

In media gli interventi realizzati dal gruppo, se si parla di chiavi in mano, richiedono dai 3 ai 4 mesi: è ovvio che la forza del team sta nel sapersi coordinare, tanto quanto è ovvio che un intervento di una durata limitata e certa e con un’incidenza netta, in grado di rivoluzionare la struttura, è fondamentale per chi lavora seguendo i ritmi del calendario dell’accoglienza.

Niente risposte prestabilite o moduli replicabili, ma soluzioni costruite intorno alle peculiarità e ai bisogni della proprietà: ogni lavoro inizia con le valutazioni dello stato attuale e del target finale.

Dopo aver visto e toccato con mano il valore aggiunto del lavoro del team Ideaturismo – Studio arch.Pisoni – Projectline e della loro proposta di Riva, appare chiaro come l’importanza di costruire – e investire – in funzione di un concetto preciso e basato su delle skills in grado di pianificare ogni fase, possa oggi davvero fare la differenza.

Fonte: concept & marketing www.ideaturismo.it

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts