Un banner mobile: ecco alcuni consigli per come crearne uno efficace

Creare un buon banner per un dispositivo mobile non è semplice come dirlo, poiché il modo di utilizzo, ma soprattutto le dimensioni dello schermo, sono molto differenti tra smartphone, tablet e PC.
Un banner che funziona bene su un grande monitor, come quello di un pc, è molto difficile che abbia la stessa resa all’interno di 9, 7 o 4 pollici offerto dagli smartphone o tablet che troviamo oggi sul mercato.
Per realizzare un buon banner mobile non bisogna dimenticarsi, che in base al dispositivo sul quale vogliamo pubblicizzarlo, esistono regole differenti; i siti web hanno alcune regole, Facebook ne ha altre e i dispositivi mobili ne hanno altre ancora.
Per la realizzazione di un buon banner mobile il team formato da Jumptap, Dynamic Logic e Celtra, ha analizzato oltre 1000 campagne pubblicitarie destinate a dispositivi mobili, che hanno portato alla formazione di “10 Tips For Creating Effective Mobile Ads”.
Vediamo un po’ di che si tratta;


1. PENSA ALLA DIMENSIONI!!! Prima di realizzare un banner bisogna sempre pensare su che tipo di dispositivo verrà utilizzato perchè questo comporta visualizzazioni diverse. In linea generale è bene eliminare i testi troppo lunghi e ingrandire gli slogan il più possibile.


2. CON I COLORI, NON ESAGERARE!!! Utilizza pochi colori, banner con meno di 3 colori hanno registrato il 9% di click in più rispetto a banner con molti più colori; da notare come nel settore automotive, con l’utilizzo di pochi colori in un banner, la registrazione di click è ancora più rilevante. In altre parole, se devi progettare un banner per un’auto, evita cose come quella qui a sinistra.

3. NON ESSERE PROLISSO!!! Usa poche parole, non ti dilungare o protrarre troppo; banner con poche parole hanno registrato il 28% di click in più rispetto a banner con più parole.


4. USA (BENE) LE CALL TO ACTION!!! Usa inviti a compiere azioni forti e chiare. Banner con call to action poco accattivanti, deboli e confuse abbattono di molto il CTR; analizzando i dati il team non ha riscontrato eccessivi scostamenti fra gli annunci con o senza le call to action. La spiegazione che il team si è data, è proprio che banner con call to action poco accattivanti hanno abbattuto di molto i CTR e quindi portato a un livellamento tra i dati.


5. USA LE PERSONE!!! Usa una o più persone negli annunci se è possibile; banner con all’interno delle persone hanno registrato il 20% di click in più rispetto a banner senza persone e la differenza nel settore della tecnologia è stata ancor più rilevante. In altre parole, se devi vendere un tablet, metti nel banner 2 persone che lo usano, e non solamente il prodotto.


6. USA I RICH MEDIA!!! I rich media performano meglio degli annunci statici; annunci che implicano una certa forma di interazione con l’utente, permettono di ottenere un maggiore engagement ed aumentare il tempo speso sulla pagina da parte dell’utente. Grazie alle peculiarità  dei dispositivi mobili, è possibile ottenere ottimi risultati da annunci che generano un coinvolgimento dell’utente e che permettono di interagire con la pubblicità stessa e poi condividerla con i propri contatti.


7. USA I VIDEO!!! La gente ama guardare i video tramite smartphone e tablet; nel 2012, la crescita dei mobile video è stata del 300% sull’anno precedente. Per ottenere più click sui video pubblicitari, è meglio evitare annunci statici o messaggi che facciano pensare all’utente che è necessario un click aggiuntivo per visualizzarlo.


8. USA LE LANDING PAGE!!! Collega il tuo annuncio pubblicitario ad una landing page; anche se non hai un intero sito web ottimizzato per il mobile, puoi ottenere eccellenti risultati utilizzando una pagina web specificamente strutturata che il visitatore raggiunge dopo aver cliccato un link o una pubblicità. Per i dispositivi mobili esistono delle landing page realizzare ad hoc.


9. COLPISCI AL MOMENTO GIUSTO!!! Esistono dei momenti precisi per colpire l’utente; una volta capito il momento giusto per la tua campagna pubblicitaria e inutile che la concentri nei momenti in cui l’utente non la valuta meglio ma condividila nei giorni o periodi in cui è più visualizzata. Ad esempio gli annunci riguardanti i ristoranti raggiungono il picco di engagement nel fine settimana, quindi, mantieni una bassa pressione nei giorni feriali, e alzala nel weekend:


10. COMBINA L’ARTE CON LA SCIENZA!!! Il coinvolgimento è dato dalla somma fra una buona creatività  e un buon targeting. Se ad esempio promuovi un’auto di lusso ad un pubblico di utenti che guadagna meno di 30.000 dollari all’anno, otterrai probabilmente moltissimi click sul banner, ma nessuno di questi acquisterà  l’automobile. Viceversa, se punti esclusivamente ad un target di utenti con uno stipendio annuale di 200.000 dollari e con casa di proprietà, otterrai maggiori conversioni.

Ideaturismo, come società di consulenza e marketing specializzata nel settore turistico ed alberghiero, conosce al meglio le opportunità  e le modalità  di massimo coinvolgimento per le vostre pubblicità e fornisce ai propri clienti i consigli adatti per aumentare il proprio business.

Fonte: blog.tagliaerbe.com

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Recent Posts